Passa ai contenuti principali

La magia dei Cristalli

La cristalloterapia influenza l’aura rimuovendo i blocchi e riequilibrando l’energia attraverso il contatto con pietre dure e cristalli. 

La cristalloterapia è una medicina alternativa di origine indiana e si basa sulla capacità del corpo umano di assorbire le energie per ristabilire lo stato di benessere fisico e psichico, attraverso i chakra, i centri energetici collocati lungo la spina dorsale, che assorbono l’energia vitale dei cristalli.

Praticata fin dai tempi più remoti da diversi popoli, che hanno conferito una valenza magico religiosa alle gemme per il colore, la luce e la trasparenza, di credendo di scorgervi le energie necessarie per vincere disgrazie e malattie.

Cristalloterapia: cos’è

Dalla visione orientale prende a prestito il concetto di chakra – i cosiddetti centri energetici – e di nadi – i canali in cui fluisce questa energia per arrivare ai vari organi chiamati prana –  ed elabora i più svariati modi d’uso con i cristalli partendo da alcuni semplici postulati:


  • nel corpo umano esiste un campo energetico che interagisce con l’energia universale 
  • i disturbi sia psichici che fisici non sono che uno squilibrio energetico tra l’uomo e l’ambiente
  • per debellare il malessere si deveriequilibrare questo flusso energetico
  • cristalli trasmettono vibrazioni energetiche che, riflettendosi sui flussi energetici umani, ne amplificano oppure riducono l’intensità
Cristallo terapia e Chakra

Si pratica mettendo a contatto i chakra con determinati cristalli, ognuno dei quali sprigiona un’energia che cura un disturbo. I chakra sono così posizionati: primo chakra alla base della colonna vertebrale, il secondo chakra nella zona lombare, il terzo al di sopra dell’ombelico, il quarto nel centro del petto, il quinto a livello della tiroide, il sesto corrisponde al terzo occhio e il settimo alla parte più alta della testa.
Come altre terapie naturali (cromoterapia e floriterapia) presuppone uno squilibrio energetico che provoca un disturbo fisico. Viene praticata dai naturopati prevalentemente per curare i disturbi di origine psicosomatica, stati di ansia, esaurimento fisico e nervoso, depressione.

Potete trovare tantissimi cristalli da Melina Fascino D'oriente:





Commenti

Post popolari in questo blog

I fiori di Bach e le sette categorie

Oggi vorrei parlarvi delle 7 categorie in cui s possono dividere i 38 Rimedi del Dr. Bach: Fiori per la paura Fiori per coloro che soffrono l'incertezza Fiori per l'insufficiente interesse per il presente Fiori per la solitudine Fiori per l'ipersensibilitaà alle influenze e alle idee Fiori per lo scoraggiamento o la disperazione Fiori per la preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri All'interno di ogni categoria ci sono i fiori che possono essere assimilati a questa categoria che vanno a riequilibrare le varie emozioni.
Per una panoramica sui 38 rimedi, visita la pagina dedicata sul sito BachCentre.it.

Fiori Australiani per gli animali

Gioia, eccitazione, dolore, tristezza e rabbia trovano riscontro nel mondo animale. 

Gli animali, come tutti gli essere viventi, hanno vibrazioni energetiche proprie e l’equilibrio di tale energia è fondamentale per il loro benessere. 

Le Australian Bush Flower Essences aiutano ad armonizzare i disequilibri vibrazionali che possono influire negativamente. Aiutano a elaborare gli effetti delle esperienze negative e agiscono sui modelli comportamentali che possono influire negativamente sulla qualità di vita di ogni essere vivente.
Sono particolarmente utili per ristabilire l’equilibrio naturale e favoriscono l’armonia ristabilendo la connessione con le energie positive della Natura.


Consigli d’uso:
Aggiungere 4 gocce per gli animali di piccola taglia (pesci, uccelli, criceti, conigli) e 7 gocce per gli animali di media (cani e gatti) e grande taglia (cavalli, mucche) mattino e sera.
Oggi vi perlo dei composti già pronti dell' Australian Bush Flower- Universe Pet.
AGGRESSIVE - Tendenze agg…

Candida e cistite:l’importanza dei batteri buoni

La salute intima dipende dalla presenza di batteri buoni e dall’integrità dei tessuti urinari e genitali. 
La flora batterica vaginale è composta per il 90% da batteri buoni (lattobacilli) e per il 10% da microrganismi potenzialmente patogeni (batteri, virus e candida). Quando questo rapporto varia, subentra l’infezione vaginale, che può estendersi alle vie urinarie provocando cistite.

I patogeni provocano infezione solo se incontrano un tessuto privo del primo strato di cellule superficiali più resistenti. La mucosa sottostante infatti è più debole e vulnerabile agli attacchi microbici.
La medicina ufficiale cura cistite e candida con antibiotici e antimicotici, ma spesso questo approccio aggressivo è inefficace. 
Meglio ripristinare i lattobacilli vaginali, rinforzare le mucose ed evitare i fattori che alterano queste difese.

Alcuni consigli per sconfiggere la candida:

Antibiotici: uccidono i batteri patogeni, ma anche i lattobacilli intestinali e vaginali, debilitando il sistema immuni…