Passa ai contenuti principali

Lavorare sul ben-essere fisico emotivo dei propri animali

Chi conosce me e la mia storia sa che io e la mia canina Jun ne abbiamo passate tante e tanti periodi neri e bui. Il passato è molto vicino ma ora quando la guardo mi pare lontano secoli.

Chi di voi ha un cane problematico o con problemi non deve mai scoraggiarsi e cercare di fare il meglio che può affidandosi a persone competenti che riescano a capire il disagio e cercare di fare in modo che il cane stia bene.

Questo per dirvi che abbiamo passato una settimana di vacanza io e la mia canina all' Abetone, ma essendo ancora fine agosto c'era molta gente. 
Lei ha problemi con le persone e con i cani, ma nonostante questo ha affrontato le passeggiate in serenità, appena vedeva gente si fermava e si faceva mettere il guinzaglio. 

A camminare stava sempre avanti e mi aspettava senza mai partire addosso a persone o cani. 

Lei è stata sempre molto riflessiva, concentrata e serena e felice di scorrazzare per i boschi con me! 

Nonostante ci fosse gente, bambini urlanti, gente maleducata, persone con bastone lei ha sempre mantenuto una serenità ed io ho cercato di fare il possibile per non tradire mai la sua fiducia e la sua serenità.

Sono state vacanze splendide perché lei stava bene fisicamente ed emotivamente e per questo è riuscita ad affrontare anche situazioni non ottimali.

Sono grata perché ho passato delle vacanze splendide anche io e torno rigenerata.

Tutta questa serenità la devo a lei, che ogni giorno mi ha messo davanti il suo disagio e mi ha fatto capire che determinate situazioni non le andavano bene.

Tutta questa forza la devo a Marina che ci ha accompagnato in questi 5 anni e che ci accompagnerà anche quando arriverà Nerone e che ogni giorno ci dice che siamo diventate bravissime.

Tutta questa leggerezza la devo alle mie veterinarie che si sono impegnate per capire e curare il suo malessere fisico.

Tutto il nostro futuro lo devo anche a me che non mi sono mai fatta scoraggiare, che l'ho aiutata sempre con i fiori, con i cristalli e con tutto quello che c'era da fare.

Scrivo questo perché magari ci sono dei giorni in cui vi trovate scoraggiati con il vostro cane, alle perse, in cui qualcuno vi dirà che è colpa vostra, che non dovete più scogliere il cane e tenerlo libero, che ormai non c'è più niente da fare. Ma voi non ascoltateli mai, cercate sempre una soluzione e fatevi forza, un giorno non molto lontano se ci credete potrete essere grati, felici, forti, leggeri, sereni ed il futuro avrà solo cieli sereni. 

Affidatevi a persone che vi sostengo e non vi abbattono. Marina, Io, le mie dottoresse siamo persone che cercheranno sempre una soluzione e non un giudizio.

I cani sono esseri speciali e sanno cambiare e ricominciare da zero sempre e ce la mettono tutta per farci felici.

Ogni giorno Jun mi fa innamorare sempre più di lei.
#ilovejun


PS:Io e Jun indossiamo due anticipazioni della collezione Fiore di Loto.


Commenti

Post popolari in questo blog

La sindrome del cane nero è una patologia che non colpisce i cani, ma bensì gli umani.

Questa malattia ha come effetto quello di guardare i cani neri in modo diverso. Se ritrovate il vostro pensiero in almeno una delle frasi seguenti, siete affetti da questa grave malattia.

I cani neri sono più pericolosiI cani neri fanno pauraI cani neri hanno più probabilità di mordereI cani neri hanno la tendenza ad essere più aggressivi

Vi rendete conto dell’assurdità di queste affermazioni?  Eppure molta, troppa gente condivide almeno una delle frasi precedenti.
RAZZISMO VERSO IL CANE NERO Fenomeno diverso da quello del cane razzista, è il razzismo degli umani nei confronti dei cani neri. Che ci crediate o no, quando porto fuori Nerone (il mio canone nero coraggioso) la gente lo guarda con sospetto e mi dice se è buono o meno. Riprendono solo a respirare quando gli dico che ha paura e che non è un pericolo. 

Pensare che il colore del pelo possa influenzare il carattere di un cane equivale a pensare che la Regina Elisabetta dorma sotto i ponti. E’ assurdo. Non c’è nessun collegamento logi…

I fiori di Bach e le sette categorie

Oggi vorrei parlarvi delle 7 categorie in cui s possono dividere i 38 Rimedi del Dr. Bach: Fiori per la paura Fiori per coloro che soffrono l'incertezza Fiori per l'insufficiente interesse per il presente Fiori per la solitudine Fiori per l'ipersensibilitaà alle influenze e alle idee Fiori per lo scoraggiamento o la disperazione Fiori per la preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri All'interno di ogni categoria ci sono i fiori che possono essere assimilati a questa categoria che vanno a riequilibrare le varie emozioni.
Per una panoramica sui 38 rimedi, visita la pagina dedicata sul sito BachCentre.it.

Il Rescue Remedy è il rimedio di Bach più conosciuto.

Così come suggerisce il nome,viene utilizzato nei casi di emergenza, ovvero quando accade qualcosa di particolarmente devastante per noi, i nostri cari o i nostri animali, come ad esempio:incidente;lutto improvvisostress perpetuato nel tempoaggressionepaura La somministrazione consiste in 4 gocce ogni 15 minuti finchè non cominciamo a calmarci, da prendere direttamente in bocca o in una bevanda. Il Rescue Remedy è molto utile per i nostri animali nel periodo di Capodanno, quando i fuochi d’artificio li terrorizzano, aiutando a non cedere al panico. In questo caso è ottimo partire in anticipo preparando una boccetta contagocce da 30 ml con acqua e 4 gocce di Rescue Remedy e somministrare 4 gocce 4 volte al giorno già una ventina di giorni prima e concludere la somministrazione intorno alla prima settimana di gennaio. Durante il periodo di festeggiamento intenso, aumentare la frequenza delle somministrazioni. La Nelsons Homeopathic Pharmacy ha creato un Rescue Remedy specifico per gli anim…