Passa ai contenuti principali

Ematite, proprietà e usi in cristalloterapia

L’ematite è una pietra nera eccellente per il radicamento a terra. Deve essere tenuta vicino al primo chakra. E’ conosciuta anche come “pietra del sangue” perché durante la sua lavorazione la polvere che si forma è di colore rosso. Già ai tempi dei babilonesi veniva utilizzata per la stimolazione del sangue. Di nuovo incontriamo una pietra dal sistema cristallino trigonale.

In cristalloterapia viene utilizzata anche per riequilibrare le energie del corpo e stimolante per la mente. Portare con voi un’ematite vi aiuterà a migliorare la vostra capacità di tenere a mente le cose. Una bella pietra protettiva da tenere sempre con se! Dal punto di vista della meditazione la considero poco adatta. La consiglio invece per la pratica del radicamento, durante il quale ci si collega all’elemento terra. Essendo l’ematite una pietra legata a Mulhadara, il primo chakra, è perfetta per questo scopo. Induce comunque anche alla riflessione.
Consiglio l’ematite anche agli studenti perché oltre a stimolare la memoria aiuta anche a concentrarsi sullo studio, imparando anche ad affinare la propria tecnica. Inutile dire che non sostituisce le ore di studio necessarie per superare un esame, ma consente solo di mantenere alta la concentrazione sull’argomento e ovviamente l’obbiettivo (il superamento dell’esame!).
Fondamentalmente comunque l’ematite è una pietra legata alle energie terrene ed è per questo che lavora molto sul piano fisico e tutti gli istinti a esso collegato. Aiuta a rafforzare il senso della collettività, l’istinto di sopravvivenza e migliora il rapporto con la famiglia.

Proprietà dell’ematite

Corpo

Trattandosi di un ossido del ferro, possiamo sorprenderci se in cristalloterapia viene definito come il minerale che per eccellenza ci aiuta ad assimilare il ferro nel corpo? Stimola anche la produzione dei globuli rossi e aiuta quindi a ossigenare meglio il corpo. Ovviamente un’ematite non può sostituire le cure mediche, ma al massimo può aiutarci a potenziarle.
Io la utilizzo spesso perché è una pietra molto utile per alleviare i dolori delle mestruazioni, il mal di testa e i problemi intestinali. Viene indicata anche come disintossicante.

Mente

Abbiamo visto che aiuta a concentrarsi. Rafforza la voglia di vivere, aiuta a guardare ai problemi con una maggior concretezza, portandoci a analizzare le questioni in un’ottica meno ansiogena. Non a caso dona calma e aiuta anche in caso di attacchi di panico e di ansia. Porta un po’ con i piedi per terra e aiuta a mantenersi concentrati nel mondo reale.
L’ematite fondamentalmente ci dona fermezza mentale, concentrazione e disciplina, promuovendo allo stesso tempo anche la vitalità.

Spirito

Migliora la vostra connessione con l’elemento terra, è consigliato soprattutto a coloro che sono un po’ troppo dominati dall’aria. Aiuta a scaricare le energie nel terreno, evitando così accumuli dannosi. Sia che avete già provato il radicamento, sia che vi cimentate nella pratica per la prima volta, vi consiglio di provare con l’ematite perché è a dir poco strepitosa. Per comodità l’ideale è un bel bracciale di ematite. Sconsiglio invece ciondoli e collane perché rischiano di interferire con l’energia generale del corpo.
L’ematite difende anche l’aura da “intrusioni” poco ben accette. Indossatela quando vi sentite un po’ spossati e avete bisogno di una bella carica di energia positiva. Vengono inoltre utilizzate in alcuni trattamenti spirituali per favorire “il ritorno”.
Grazie all’ematite lavorate indirettamente su tutti quanti i chakra. Un po’ come una calamita attira le energie alte in tutti gli altri chakra.

Come si usa l’ematite

  • Tenete in tasca l’ematite per favorire il radicamento. Va bene indossato anche come bracciale
  • Utilizzatela nei trattamenti di riequilibrio energetico con i cristalli per favorire la discesa delle energie dei chakra alti, così da portare benefici sulla sfera spirituale, fisica ed emozionale.
  • Purificatela a contatto con la terra o con le energie della luna. Assolutamente da evitare la purificazione con il sale.
  • Non è consigliata per la meditazione, tuttavia in alcune pratiche va bene per favorire “il ritorno” alla realtà, trattandosi appunto di una pietra molto materiale.
  • Gli elisir di ematite sono ottimi per aumentare la forza di volontà, per sconfiggere il timore del futuro e per supportare le cure per i problemi di anemia e carenza di ferro in generale

Commenti

Post popolari in questo blog

I fiori di Bach e le sette categorie

Oggi vorrei parlarvi delle 7 categorie in cui s possono dividere i 38 Rimedi del Dr. Bach: Fiori per la paura Fiori per coloro che soffrono l'incertezza Fiori per l'insufficiente interesse per il presente Fiori per la solitudine Fiori per l'ipersensibilitaà alle influenze e alle idee Fiori per lo scoraggiamento o la disperazione Fiori per la preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri All'interno di ogni categoria ci sono i fiori che possono essere assimilati a questa categoria che vanno a riequilibrare le varie emozioni.
Per una panoramica sui 38 rimedi, visita la pagina dedicata sul sito BachCentre.it.

La sindrome del cane nero è una patologia che non colpisce i cani, ma bensì gli umani.

Questa malattia ha come effetto quello di guardare i cani neri in modo diverso. Se ritrovate il vostro pensiero in almeno una delle frasi seguenti, siete affetti da questa grave malattia.

I cani neri sono più pericolosiI cani neri fanno pauraI cani neri hanno più probabilità di mordereI cani neri hanno la tendenza ad essere più aggressivi

Vi rendete conto dell’assurdità di queste affermazioni?  Eppure molta, troppa gente condivide almeno una delle frasi precedenti.
RAZZISMO VERSO IL CANE NERO Fenomeno diverso da quello del cane razzista, è il razzismo degli umani nei confronti dei cani neri. Che ci crediate o no, quando porto fuori Nerone (il mio canone nero coraggioso) la gente lo guarda con sospetto e mi dice se è buono o meno. Riprendono solo a respirare quando gli dico che ha paura e che non è un pericolo. 

Pensare che il colore del pelo possa influenzare il carattere di un cane equivale a pensare che la Regina Elisabetta dorma sotto i ponti. E’ assurdo. Non c’è nessun collegamento logi…

Il Rescue Remedy è il rimedio di Bach più conosciuto.

Così come suggerisce il nome,viene utilizzato nei casi di emergenza, ovvero quando accade qualcosa di particolarmente devastante per noi, i nostri cari o i nostri animali, come ad esempio:incidente;lutto improvvisostress perpetuato nel tempoaggressionepaura La somministrazione consiste in 4 gocce ogni 15 minuti finchè non cominciamo a calmarci, da prendere direttamente in bocca o in una bevanda. Il Rescue Remedy è molto utile per i nostri animali nel periodo di Capodanno, quando i fuochi d’artificio li terrorizzano, aiutando a non cedere al panico. In questo caso è ottimo partire in anticipo preparando una boccetta contagocce da 30 ml con acqua e 4 gocce di Rescue Remedy e somministrare 4 gocce 4 volte al giorno già una ventina di giorni prima e concludere la somministrazione intorno alla prima settimana di gennaio. Durante il periodo di festeggiamento intenso, aumentare la frequenza delle somministrazioni. La Nelsons Homeopathic Pharmacy ha creato un Rescue Remedy specifico per gli anim…