Passa ai contenuti principali

Il Quarzo maestro e come usarlo

Con oggi vorrei iniziare un piccolo capitolo che parla dei cristalli, perché per me sono fondamentali ed ognuno di noi dovrebbe conoscere le basi delle proprietà  dei cristalli e come usarli.

Il quarzo maestro è il quarzo ialino con delle punte. Detto così è molto riduttivo ma tra poco approfondisco. Non devono avere questa forma per via di uno stravolgimento totale da parte dell’uomo, ma è necessario che si siano formati con questo modo oppure siano stati si tagliati, ma sempre lungo il lato di crescita. 
Il quarzo maestro deve avere sei facce ma è in base alla loro disposizione che cambia il tipo di cristallo.


Il quarzo maestro ha delle proprietà molto interessanti in cristalloterapia. Per comprendere meglio questo argomento dobbiamo approfondire e parlare perciò dei vari tipi di quarzo: 

Quarzo maestro arcobaleno – E’ chiamato in questo modo perché quanto la punta viene colpita dalla luce, si forma come un arcobaleno. Questo avviene per le fratture interne che permettono appunto di scomporre la luce. Viene utilizzato per riequilibrare tutti e sette i chakra e i sette strati dell’aura. Vi consiglio di provarlo anche in meditazione. Dona gioia e amore. Utilizzatelo se siete tristi e malinconici oppure se avete perso tutta la vostra energia. A livello fisico combatte il gonfiore e riduce anche il dolore.
Quarzo maestro biterminato – Se il quarzo maestro arcobaleno possedeva solo una punta e una base piatta, il quarzo maestro biterminato ha due punte alle estremità, entrambe emanatrici di energia.Viene quindi usato per collegare due chakra tra loro durante i trattamenti oppure per collegare due pietre. Nei trattamenti di cristalloterapia è uno dei più usati. Porta equilibrio tra il mondo materiale e spirituale. Rimuove i blocchi energetici. Indossatelo quando dovete esprimervi in modo chiaro.
Quarzo maestro fantasma – E’ uno dei miei preferiti perché non è trasparente ma lattiginoso e all’interno ci sono tanti piccoli cristalli che ne mostrano la fase di crescita. Usatelo in meditazione se avete bisogno di scavare dentro di voi, nelle vostre vite passate oppure nei ricordi ormai sepolti. Vi aiuta a trovare la forza e il coraggio di accettare il passato così da andare avanti.
Quarzo maestro generatore – Il quarzo generatore potenzia l’energia e la ritrasmette. Viene utilizzato proprio per portare energia la dove c’è bisogno, ma va maneggiato con molta prudenza. Fortifica i nervi, stimola la concentrazione.
Quarzo maestro tabulare – Sembra un cristallo piatto a causa di due facce molto più larghe delle altre. Serve proprio a trasferire molta energia da una parte all’altra. Il maestro tabulare può essere anche biterminato, in questo caso viene usato per equilibrare l’energia tra due chakra. Potete usarlo se volete conoscere in modo molto più profondo voi stessi.
Quarzo maestro cattedrale – E’ piuttosto diverso da quelli visti fin ora perché comprende varie parti, tutte tenute legate da una matrice, un cristallo madre. Produce come una spirale lungo i lati, dove vi sono cristalli più o meno grandi, non uguali tra di loro. Potete trovare in commercio bellissimi quarzi maestro cattedrale di fumè, citrino o ialino. E’ considerata la pietra capace di donare una grande conoscenza e ristabilire la connessione con i piani più alti.
Quarzo maestro canalizzatore – Una punta a sette lati, una a tre lati. Utilizzatelo per collegarvi agli spiriti guida. Rappresenta la verità interiore e la manifestazione del divino dentro di voi.
Quarzo maestro trasmettitore – è considerato un ponte, un mezzo da utilizzare per crescere e collegarsi al Sé superiore. Aiuta ad apprendere la verità, ad evolversi.
Quarzo maestro finestra – Il cristallo ha ad un’estremità una faccia a forma di rombo. Da questa si estende un cristallo che ha sette facce ed è molto più grande della principale. Se la finestra è rivolta a sinistra durante la meditazione, vi permette di entrare in contatto con il vostro passato. Se è rivolta verso destra invece, con il vostro futuro.
Quarzo maestro laser – Uno dei primi quarzi maestro con il quale sono entrata in contatto. E’ lungo e sottile, lateralmente è curvo mentre la punta è formata da tante piccole facce. Usatelo per raccogliere le vostre energie, per focalizzarvi su un solo obbiettivo. Usatelo se avete bisogno di uno scudo. I professionisti lo utilizzano anche per lavorare sull’aura.
Quarzo maestro elestiale – Può essere solo un quarzo fumè. Promuove la crescita interiore. Purifica e armonizza, lasciando cadere tutto ciò che appesantisce l’anima. Usatelo per vedere cosa vi ostacola, vi dona più fiducia in voi stessi.
Ci sono poi molti altri tipi di quarzi maestro ma molto meno conosciuti, come ad esempio l’iside, che stimola l’autoguarigione, il quarzo maestro memoria, programmati per far si che possa avvenire il passaggio delle conoscenze. E infine c’è il quarzo maestro ponte, aiuta ad affrontare il cambiamento.


Molti di questi cristalli non sono facili da trovare e anche l’utilizzo richiede una certa esperienza nel mondo della cristalloterapia. Si tratta comunque di strumenti davvero eccellenti e in qualità di pietre molto particolari, sono belle da avere anche solo per collezione!

Potete trovare tantissimi cristalli da Melina Fascino D'oriente:

Commenti

Post popolari in questo blog

La sindrome del cane nero è una patologia che non colpisce i cani, ma bensì gli umani.

Questa malattia ha come effetto quello di guardare i cani neri in modo diverso. Se ritrovate il vostro pensiero in almeno una delle frasi seguenti, siete affetti da questa grave malattia.

I cani neri sono più pericolosiI cani neri fanno pauraI cani neri hanno più probabilità di mordereI cani neri hanno la tendenza ad essere più aggressivi

Vi rendete conto dell’assurdità di queste affermazioni?  Eppure molta, troppa gente condivide almeno una delle frasi precedenti.
RAZZISMO VERSO IL CANE NERO Fenomeno diverso da quello del cane razzista, è il razzismo degli umani nei confronti dei cani neri. Che ci crediate o no, quando porto fuori Nerone (il mio canone nero coraggioso) la gente lo guarda con sospetto e mi dice se è buono o meno. Riprendono solo a respirare quando gli dico che ha paura e che non è un pericolo. 

Pensare che il colore del pelo possa influenzare il carattere di un cane equivale a pensare che la Regina Elisabetta dorma sotto i ponti. E’ assurdo. Non c’è nessun collegamento logi…

I fiori di Bach e le sette categorie

Oggi vorrei parlarvi delle 7 categorie in cui s possono dividere i 38 Rimedi del Dr. Bach: Fiori per la paura Fiori per coloro che soffrono l'incertezza Fiori per l'insufficiente interesse per il presente Fiori per la solitudine Fiori per l'ipersensibilitaà alle influenze e alle idee Fiori per lo scoraggiamento o la disperazione Fiori per la preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri All'interno di ogni categoria ci sono i fiori che possono essere assimilati a questa categoria che vanno a riequilibrare le varie emozioni.
Per una panoramica sui 38 rimedi, visita la pagina dedicata sul sito BachCentre.it.

Il Rescue Remedy è il rimedio di Bach più conosciuto.

Così come suggerisce il nome,viene utilizzato nei casi di emergenza, ovvero quando accade qualcosa di particolarmente devastante per noi, i nostri cari o i nostri animali, come ad esempio:incidente;lutto improvvisostress perpetuato nel tempoaggressionepaura La somministrazione consiste in 4 gocce ogni 15 minuti finchè non cominciamo a calmarci, da prendere direttamente in bocca o in una bevanda. Il Rescue Remedy è molto utile per i nostri animali nel periodo di Capodanno, quando i fuochi d’artificio li terrorizzano, aiutando a non cedere al panico. In questo caso è ottimo partire in anticipo preparando una boccetta contagocce da 30 ml con acqua e 4 gocce di Rescue Remedy e somministrare 4 gocce 4 volte al giorno già una ventina di giorni prima e concludere la somministrazione intorno alla prima settimana di gennaio. Durante il periodo di festeggiamento intenso, aumentare la frequenza delle somministrazioni. La Nelsons Homeopathic Pharmacy ha creato un Rescue Remedy specifico per gli anim…