Passa ai contenuti principali

Il gemmoderivato floripotenziato: i benefici nella forza della natura

I gemmoderivati sono preparazioni erboristiche fatte con le gemme e altre parti di piante composte da tessuto meristematico, cioè cellule indifferenziate che grazie alla presenza di piccole quantità di enzimi, fattori di crescita, vitamine, proteine, aminoacidi, acidi nucleici, auxine nonché ormoni vegetali e al loro specifico messaggio sono in grado di svolgere un’azione di riequilibrio e regolazione su numerosi processi dell’organismo. Li ho incontrati per la prima volta durante la mia lezione di Naturopatia al corso di Naturopata per il benessere animale. 

Possiamo riassumere l'eccezionale azione dei gemmoderivati come segue:
  • apporto dell'energia e del messaggio del meristema;
  • modifica degli squilibri del “terreno” in modo dolce e profondo;
  • drenaggio delle scorie metaboliche e di altre tossine accumulate;
  • stimolazione dei processi riparativi, anche a livello cellulare; 
  • armonizzazione dei processi biochimici dell’organismo.

Floripotenziamento

Il floripotenziamento, cioè l’aggiunta del relativo rimedio floreale, favorisce l’assimilazione dei principi attivi e facilita la comprensione del messaggio delle gemme da parte dell’organismo. Nel mondo vegetale sono proprio i fiori che hanno la maggior capacità di comunicare con l’ambiente circostante, per questo l’aggiunta del rimedio floreale fa arrivare il messaggio delle gemme con più forza e chiarezza.
Grazie al floripotenziamento, il gemmoderivato svilup- La salute con gemme e fiori Il gemmoderivato floripotenziato: i benefici nella forza della natura Hubert Bösch per Remedia pa un’azione più incisiva e veloce, procurando spesso risultati sorprendenti, anche a dosaggi inferiori a quelli consigliati per gli altri gemmoderivati.
Concetto valido anche per gli olii essenziali e per i cosmetici, come ampiamente dimostrato dai risultati ottenuti in tanti anni di utilizzo. Disturbi cronici Per una serie di motivi, oggi, gran parte delle malattie è cronica e si cerca di tamponare gli effetti con metodi palliativi. I gemmoderivati floripotenziati, invece, possono aiutare a guarire, o almeno a liberarsi, dalla dipendenza da farmaci.
Trattandosi di disturbi cronici vanno usati con regolarità per un periodo di almeno 2-3 mesi, anche se spesso si vedono buoni risultati già nel giro di 10 giorni. Se invece l'organismo è fortemente intossicato i tempi si allungano.
Anche in questi casi di solito si ottengono buoni risultati con un’assunzione continua e costante, grazie all’efficacia dei gemmoderivati floripotenziati di promuovere l’eliminazione delle tossine.
Essendo privi di tossicità possono essere assunti da tutti, compresi bambini e anziani, e in caso di necessità anche per un periodo prolungato. Queste caratteristiche li rendono particolarmente adatti per la prevenzione.
Per fare qualche esempio:
  • Numerose persone riescono a convivere bene con le allergie grazie a una miscela di gemmoderivati floripotenziata composta da Ribes nigrum, Alnus glutinosa, Rosa canina e Fagus sylvatica.
  • Mentre in caso di stanchezza, in particolare quella primaverile, una miscela composta da Prunus spinosa, Ribes nigrum, Quercus peduncolata, Sequoia gigantea e Hippophae rhamnoides aiuta a ricaricare gradualmente le “batterie”.
  •  Per i disturbi della prostata, specialmente se sono legati all’età, ha dato buoni risultati una miscela composta da Sequoia gigantea, Ribes nigrum, Calluna vulgaris, Juniperus communis e Quercus peduncolata gemme.

Disturbi acuti

I gemmoderivati floripotenziati possono costituire un valido aiuto nel caso di alcuni disturbi acuti. Anche se stimolano i processi riparativi invece di sopprimere i sintomi, la loro azione è piuttosto veloce. Spicca il Ribes nigrum con la sua azione di stimolo della produzione, da parte della corteccia surrenale, di sostanze simil-cortisone con proprietà antinfiammatorie.
Consiglio di prenderlo in considerazione prima di tutto nelle piccole infiammazioni dove il suo uso può accelerare i processi di guarigione. In molti casi può essere anche un’alternativa al cortisone.
L'azione di Alnus glutinosa sui vasi arteriosi migliora la circolazione sanguigna e perciò lo rende un prezioso aiuto per le persone che soffrono di emicrania e mal di testa, specialmente se assunto a un dosaggio alto ai primi sintomi.
Tilia tomentosa invece sviluppa la sua azione calmante e rilassante rapidamente e perciò è adatto anche nei casi acuti di nervosismo, agitazione e insonnia. Tuttavia sarebbe meglio assumerlo regolarmente per almeno qualche settimana per ottenere risultati più duraturi.

Commenti

Post popolari in questo blog

I fiori di Bach e le sette categorie

Oggi vorrei parlarvi delle 7 categorie in cui s possono dividere i 38 Rimedi del Dr. Bach: Fiori per la paura Fiori per coloro che soffrono l'incertezza Fiori per l'insufficiente interesse per il presente Fiori per la solitudine Fiori per l'ipersensibilitaà alle influenze e alle idee Fiori per lo scoraggiamento o la disperazione Fiori per la preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri All'interno di ogni categoria ci sono i fiori che possono essere assimilati a questa categoria che vanno a riequilibrare le varie emozioni.
Per una panoramica sui 38 rimedi, visita la pagina dedicata sul sito BachCentre.it.

Fiori Australiani per gli animali

Gioia, eccitazione, dolore, tristezza e rabbia trovano riscontro nel mondo animale. 

Gli animali, come tutti gli essere viventi, hanno vibrazioni energetiche proprie e l’equilibrio di tale energia è fondamentale per il loro benessere. 

Le Australian Bush Flower Essences aiutano ad armonizzare i disequilibri vibrazionali che possono influire negativamente. Aiutano a elaborare gli effetti delle esperienze negative e agiscono sui modelli comportamentali che possono influire negativamente sulla qualità di vita di ogni essere vivente.
Sono particolarmente utili per ristabilire l’equilibrio naturale e favoriscono l’armonia ristabilendo la connessione con le energie positive della Natura.


Consigli d’uso:
Aggiungere 4 gocce per gli animali di piccola taglia (pesci, uccelli, criceti, conigli) e 7 gocce per gli animali di media (cani e gatti) e grande taglia (cavalli, mucche) mattino e sera.
Oggi vi perlo dei composti già pronti dell' Australian Bush Flower- Universe Pet.
AGGRESSIVE - Tendenze agg…

Candida e cistite:l’importanza dei batteri buoni

La salute intima dipende dalla presenza di batteri buoni e dall’integrità dei tessuti urinari e genitali. 
La flora batterica vaginale è composta per il 90% da batteri buoni (lattobacilli) e per il 10% da microrganismi potenzialmente patogeni (batteri, virus e candida). Quando questo rapporto varia, subentra l’infezione vaginale, che può estendersi alle vie urinarie provocando cistite.

I patogeni provocano infezione solo se incontrano un tessuto privo del primo strato di cellule superficiali più resistenti. La mucosa sottostante infatti è più debole e vulnerabile agli attacchi microbici.
La medicina ufficiale cura cistite e candida con antibiotici e antimicotici, ma spesso questo approccio aggressivo è inefficace. 
Meglio ripristinare i lattobacilli vaginali, rinforzare le mucose ed evitare i fattori che alterano queste difese.

Alcuni consigli per sconfiggere la candida:

Antibiotici: uccidono i batteri patogeni, ma anche i lattobacilli intestinali e vaginali, debilitando il sistema immuni…