Passa ai contenuti principali

Le nuove malattie delle Donne

Da un lato ci sono le giuste conquiste sociali, dall’altro le forme di malessere e malattie che prima erano tipicamente maschili.

A pochi giorni dalla festa delle donne vorrei condividere con voi questo articolo alquanto allarmante su quanto la nostra società metta a repentaglio la salute delle donne. 


Negli ultimi anni le donne si sono trovate a mettere sui due piatti della bilancia gioie e dolori di un percorso che, nella società contemporanea, ha dato soddisfazioni, ma che nel contempo ha evidenziato nuovi problemi.

Al centro delle varie riflessioni troviamo preoccupanti valutazioni sulla salute della donna, e studi su quanto l’ambiente quotidiano in cui si vive – lavoro, relazioni, successo, preoccupazioni, competitività, soddisfazioni e aspettative – stia influenzando la qualità della vita.
Tutto questo è materia di studio per chi si occupa di Epigenetica.

Tumori, depressione, stress 

«L’emancipazione sociale della donna – dice il dottor Mauro Cucci, medico, neuropsichiatra, agopuntore ed esperto di Medicina Tradizionale Cinese – è un grande risultato della nostra epoca. La condizione, come si può immaginare, non è omogenea in tutto il mondo. In proposito, ci sono delle contraddizioni anche nei Paesi occidentali, ma certe conquiste sono fortunatamente consolidate.
Il problema è che il riconoscimento di una parità di ruolo e opportunità fra uomo e donna ha preso come modello di riferimento il ruolo sociale e lavorativo dell’uomo. Per la donna l’emancipazione sociale si è trasformata in una spinta a uniformarsi il più possibile all’uomo. Nella doverosa ricerca della parità, si rischia di perdere di vista le specificità di ognuno.
I risultati si iniziano a vedere oggi: le donne contraggono malattie che un tempo erano prevalentemente appannaggio degli uomini. Tumori, depressione, forte stress, sono problemi di salute che stanno investendo la sfera femminile in modo diverso rispetto al passato.
Le ricerche di epigenetica stanno dando supporto scientifico a queste osservazioni, e occorrerebbe riflettere urgentemente su come l’ambiente sociale sta influenzando la salute oggi e su quali potranno essere le ricadute per le future generazioni».

Epigenetica: quanto l’ambiente ci influenza

L’Epigenetica è un settore della conoscenza scientifica che prende in considerazione le modificazioni dell’espressione genica, senza alterazioni nella sequenza del DNA. Vari studi hanno osservato quanto la salute fisica e mentale di un individuo sia influenzata dallo stile di vita e dall’ambiente in cui si vive.
L’ambiente ha un’incidenza nella generazione di molte malattie cronico-degenerative come il cancro. È stato anche riscontrato che un regime alimentare sbilanciato in gravidanza, e disturbi metabolici durante lo sviluppo dell’embrione, possono avere effetti persistenti sulla salute ed essere trasmessi alla generazione successiva.
«Dovremmo certamente preservare gli esiti di un’evoluzione culturale che sta portando alla parità di genere – dice il dottor Cucci – è ovvio, però, che non dovremmo subire passivamente le distorsioni che stiamo evidenziando. La discussione esce dal campo medico ed entra in una dimensione sociale e antropologica, ma è giusto che i medici lancino l’allarme: stiamo intraprendendo un cammino che potrebbe avere esiti devastanti per la salute delle donne e quindi anche delle future generazioni». È quindi urgente prendere atto delle tendenze che si stanno riscontrando e suggerire dei cambiamenti.
«Non c’è dubbio. Non possiamo trascurare – sottolinea Mauro Cucci – le evoluzioni che abbiamo davanti agli occhi. Uomini e donne non sono identici. Devono avere pari dignità, nel rispetto delle specificità. Alcuni aspetti delle culture secolari non dovrebbero essere buttati via, perché ci manifestano equilibri e conoscenze che sono parte integrante dell’evoluzione della specie umana.
Pensiamo ad esempio a ciò che arriva dalla Medicina Tradizionale Cinese, la quale guarda alla donna con un’attenzione del tutto particolare. Negli suoi testi millenari, la tutela della salute della donna è considerata fondamentale: attraverso di essa, tutelando la procreazione, si tutela la salute del genere umano».


Commenti

Post popolari in questo blog

La sindrome del cane nero è una patologia che non colpisce i cani, ma bensì gli umani.

Questa malattia ha come effetto quello di guardare i cani neri in modo diverso. Se ritrovate il vostro pensiero in almeno una delle frasi seguenti, siete affetti da questa grave malattia.

I cani neri sono più pericolosiI cani neri fanno pauraI cani neri hanno più probabilità di mordereI cani neri hanno la tendenza ad essere più aggressivi

Vi rendete conto dell’assurdità di queste affermazioni?  Eppure molta, troppa gente condivide almeno una delle frasi precedenti.
RAZZISMO VERSO IL CANE NERO Fenomeno diverso da quello del cane razzista, è il razzismo degli umani nei confronti dei cani neri. Che ci crediate o no, quando porto fuori Nerone (il mio canone nero coraggioso) la gente lo guarda con sospetto e mi dice se è buono o meno. Riprendono solo a respirare quando gli dico che ha paura e che non è un pericolo. 

Pensare che il colore del pelo possa influenzare il carattere di un cane equivale a pensare che la Regina Elisabetta dorma sotto i ponti. E’ assurdo. Non c’è nessun collegamento logi…

I fiori di Bach e le sette categorie

Oggi vorrei parlarvi delle 7 categorie in cui s possono dividere i 38 Rimedi del Dr. Bach: Fiori per la paura Fiori per coloro che soffrono l'incertezza Fiori per l'insufficiente interesse per il presente Fiori per la solitudine Fiori per l'ipersensibilitaà alle influenze e alle idee Fiori per lo scoraggiamento o la disperazione Fiori per la preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri All'interno di ogni categoria ci sono i fiori che possono essere assimilati a questa categoria che vanno a riequilibrare le varie emozioni.
Per una panoramica sui 38 rimedi, visita la pagina dedicata sul sito BachCentre.it.

Il Rescue Remedy è il rimedio di Bach più conosciuto.

Così come suggerisce il nome,viene utilizzato nei casi di emergenza, ovvero quando accade qualcosa di particolarmente devastante per noi, i nostri cari o i nostri animali, come ad esempio:incidente;lutto improvvisostress perpetuato nel tempoaggressionepaura La somministrazione consiste in 4 gocce ogni 15 minuti finchè non cominciamo a calmarci, da prendere direttamente in bocca o in una bevanda. Il Rescue Remedy è molto utile per i nostri animali nel periodo di Capodanno, quando i fuochi d’artificio li terrorizzano, aiutando a non cedere al panico. In questo caso è ottimo partire in anticipo preparando una boccetta contagocce da 30 ml con acqua e 4 gocce di Rescue Remedy e somministrare 4 gocce 4 volte al giorno già una ventina di giorni prima e concludere la somministrazione intorno alla prima settimana di gennaio. Durante il periodo di festeggiamento intenso, aumentare la frequenza delle somministrazioni. La Nelsons Homeopathic Pharmacy ha creato un Rescue Remedy specifico per gli anim…