Passa ai contenuti principali

Candida e cistite:l’importanza dei batteri buoni

La salute intima dipende dalla presenza di batteri buoni e dall’integrità dei tessuti urinari e genitali. 
La flora batterica vaginale è composta per il 90% da batteri buoni (lattobacilli) e per il 10% da microrganismi potenzialmente patogeni (batteri, virus e candida). Quando questo rapporto varia, subentra l’infezione vaginale, che può estendersi alle vie urinarie provocando cistite.

I patogeni provocano infezione solo se incontrano un tessuto privo del primo strato di cellule superficiali più resistenti. La mucosa sottostante infatti è più debole e vulnerabile agli attacchi microbici.
La medicina ufficiale cura cistite e candida con antibiotici e antimicotici, ma spesso questo approccio aggressivo è inefficace. 
Meglio ripristinare i lattobacilli vaginali, rinforzare le mucose ed evitare i fattori che alterano queste difese.

Alcuni consigli per sconfiggere la candida:

Antibiotici: uccidono i batteri patogeni, ma anche i lattobacilli intestinali e vaginali, debilitando il sistema immunitario, aumentando le resistenze batteriche, favorendo l’insorgenza di candida e cistite. Alternative naturali: D-mannosio contro la cistite e apolattoferrina, lapacho, olio di cocco per la candida.

Igiene intima: lavati con acqua una volta al giorno. Bidet frequenti, detergenti e lavande vaginali irritano, asportano difese locali e lattobacilli.

Idratazione: bevi 2 l d’acqua al giorno e non trattenere le urine per più 4 ore.
pH vaginale: i lattobacilli sopravvivono in ambiente acido. Lo yogurt in vagina acidifica e apporta fermenti buoni.
pH urinario: l’urina troppo acida (<6) irrita le mucose vescicali, uretrali e vulvari. La dieta ricca di frutta e verdura, il magnesio e il potassio alcalinizzano e contrastano la formazione di cristalli di ossalato irritanti per le vie urinarie.
Rapporti sessuali: assenza di desiderio, scarsa lubrificazione e contrattura muscolare aumentano l’attrito sulla mucosa vaginale provocando microlesioni in cui i batteri si riproducono e invadono gli organi vicini. Fondamentali i preliminari, il lubrificante e il D-mannosio dopo il rapporto.
Muscolatura: il pavimento pelvico contratto schiaccia le strutture che avvolge (uretra, canale vaginale, ano, vasi sanguigni e nervi) provocando scarsa ossigenazione, sofferenza dei tessuti genitali e urinari, dolore ai rapporti, stipsi, cistiti e vaginiti.
Contraccezione: pillola, cerotto, anello ecc. aumentano il rischio di cistite e candida in quanto alterano l’equilibrio ormonale, aumentano il pH vaginale, riducono il numero di lattobacilli, le secrezioni vaginali e la libido, aumentando l’attrito durante il rapporto e le microlesioni vaginali.




Commenti

Post popolari in questo blog

I fiori di Bach e le sette categorie

Oggi vorrei parlarvi delle 7 categorie in cui s possono dividere i 38 Rimedi del Dr. Bach: Fiori per la paura Fiori per coloro che soffrono l'incertezza Fiori per l'insufficiente interesse per il presente Fiori per la solitudine Fiori per l'ipersensibilitaà alle influenze e alle idee Fiori per lo scoraggiamento o la disperazione Fiori per la preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri All'interno di ogni categoria ci sono i fiori che possono essere assimilati a questa categoria che vanno a riequilibrare le varie emozioni.
Per una panoramica sui 38 rimedi, visita la pagina dedicata sul sito BachCentre.it.

La sindrome del cane nero è una patologia che non colpisce i cani, ma bensì gli umani.

Questa malattia ha come effetto quello di guardare i cani neri in modo diverso. Se ritrovate il vostro pensiero in almeno una delle frasi seguenti, siete affetti da questa grave malattia.

I cani neri sono più pericolosiI cani neri fanno pauraI cani neri hanno più probabilità di mordereI cani neri hanno la tendenza ad essere più aggressivi

Vi rendete conto dell’assurdità di queste affermazioni?  Eppure molta, troppa gente condivide almeno una delle frasi precedenti.
RAZZISMO VERSO IL CANE NERO Fenomeno diverso da quello del cane razzista, è il razzismo degli umani nei confronti dei cani neri. Che ci crediate o no, quando porto fuori Nerone (il mio canone nero coraggioso) la gente lo guarda con sospetto e mi dice se è buono o meno. Riprendono solo a respirare quando gli dico che ha paura e che non è un pericolo. 

Pensare che il colore del pelo possa influenzare il carattere di un cane equivale a pensare che la Regina Elisabetta dorma sotto i ponti. E’ assurdo. Non c’è nessun collegamento logi…