Passa ai contenuti principali

L'annoso dilemma sulla bottiglietta pronta all'uso dopo le consulenze

Molti clienti mi chiedono come mai devono recarsi in erboristeria/farmacia dopo la consulenza e farsi preparare li la bottiglietta. Ammetto molti non sono felici, perché questo richiede di dover perdere altro tempo e magari l'entusiasmo della post consulenza svanisce. Inoltre molti si sentono di aver ricevuto un servizio al 75% e non li soddisfa.
Per quanto a me piacerebbe poter consegnarvi una boccetta con il vostro nome a fine della consulenza non posso farlo.
Cosa me lo vieta?
La legge Italiana.
In sintesi: la norma sulle preparazioni galeniche si riferisce ai farmaci, ma i Fiori di Bach non sono farmaci. Quindi la classificazione è dubbia. Forse la categoria più affine è quella dei prodotti erboristici e forse i diplomi per la preparazione dei Fiori di Bach possono assimilarci agli erboristi.
I prodotti fitoterapici (di erboristeria medicinale) rimangono assoggettati alla normativa sui medicinali, mentre i prodotti erboristici (di erboristeria salutare, non medicinale) possono essere venduti sia come prodotti preconfezionati, sia allo stato sfuso e possono essere composti e preparati dal farmacista e dall'erborista (la legge non precisa nelle farmacie e/o erboristerie) in maniera estemporanea (in taglio tisana) ed essere anche preconfezionati (entro certi limiti di concentrazione del fitocomplesso e di ogni singolo principio attivo), da laboratori appositamente autorizzati dal Ministero della Salute all'impiego, alla trasformazione, alla lavorazione e alla importazione ai fini della produzione e della successiva.
Inoltre, le piante officinali e le droghe (non medicinali) vendute (al pubblico) allo stato sfuso, debbono sottostare a specifici requisiti in materia di etichettature.
Detto questo, il punto è che le boccette che potrebbe preparare il consulente in fiori di Bach non sono preconfezionate. Quindi, nel nostro caso sarebbe forse possibile appendere unicamente un cartello in studio, con l'elenco di tutti i fiori di Bach, la percentuale di titolo alcolometrico e il nome dei produttori , oltre all’avvertenza "Prodotti non medicinali preparati ad hoc per ogni singolo cliente . Non in vendita"
Purtroppo però i Fiori di Bach della Nelson (ditta che usano i consulenti Bfrp e Bfrap, che usa il metodo orignale per la preparazione) in Italia sono stati inseriti sotto la categoria di Medicinale Omeopatico, quindi anche se da una parte in qualche modo possiamo regalare la boccetta a fine trattamento seguendo le indicazioni sopra indicate, non possiamo farlo per una non corretta categorizzazione dei Fiori per la legge Italiana. Ci stiamo muovendo per chiedere alla Loacker Remedia, ditta che importa la Nelson in Italia di poter cambiare categorizzazione e trasformarli in prodotti parafarmaceutici, ma la strada è lunga...
Nella speranza che presto si possa cambiare qualcosa e permettere ai nostri clienti di poter ricevere le boccette a fine trattamento, vi chiedo di capire il motivo per cui non possiamo al momento miscelare i fiori e di comprendere che non è una bizza del Consulente ma purtroppo abbiamo le mani legate.

Commenti

Post popolari in questo blog

I fiori di Bach e le sette categorie

Oggi vorrei parlarvi delle 7 categorie in cui s possono dividere i 38 Rimedi del Dr. Bach: Fiori per la paura Fiori per coloro che soffrono l'incertezza Fiori per l'insufficiente interesse per il presente Fiori per la solitudine Fiori per l'ipersensibilitaà alle influenze e alle idee Fiori per lo scoraggiamento o la disperazione Fiori per la preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri All'interno di ogni categoria ci sono i fiori che possono essere assimilati a questa categoria che vanno a riequilibrare le varie emozioni.
Per una panoramica sui 38 rimedi, visita la pagina dedicata sul sito BachCentre.it.

Fiori Australiani per gli animali

Gioia, eccitazione, dolore, tristezza e rabbia trovano riscontro nel mondo animale. 

Gli animali, come tutti gli essere viventi, hanno vibrazioni energetiche proprie e l’equilibrio di tale energia è fondamentale per il loro benessere. 

Le Australian Bush Flower Essences aiutano ad armonizzare i disequilibri vibrazionali che possono influire negativamente. Aiutano a elaborare gli effetti delle esperienze negative e agiscono sui modelli comportamentali che possono influire negativamente sulla qualità di vita di ogni essere vivente.
Sono particolarmente utili per ristabilire l’equilibrio naturale e favoriscono l’armonia ristabilendo la connessione con le energie positive della Natura.


Consigli d’uso:
Aggiungere 4 gocce per gli animali di piccola taglia (pesci, uccelli, criceti, conigli) e 7 gocce per gli animali di media (cani e gatti) e grande taglia (cavalli, mucche) mattino e sera.
Oggi vi perlo dei composti già pronti dell' Australian Bush Flower- Universe Pet.
AGGRESSIVE - Tendenze agg…

La sindrome del cane nero è una patologia che non colpisce i cani, ma bensì gli umani.

Questa malattia ha come effetto quello di guardare i cani neri in modo diverso. Se ritrovate il vostro pensiero in almeno una delle frasi seguenti, siete affetti da questa grave malattia.

I cani neri sono più pericolosiI cani neri fanno pauraI cani neri hanno più probabilità di mordereI cani neri hanno la tendenza ad essere più aggressivi

Vi rendete conto dell’assurdità di queste affermazioni?  Eppure molta, troppa gente condivide almeno una delle frasi precedenti.
RAZZISMO VERSO IL CANE NERO Fenomeno diverso da quello del cane razzista, è il razzismo degli umani nei confronti dei cani neri. Che ci crediate o no, quando porto fuori Nerone (il mio canone nero coraggioso) la gente lo guarda con sospetto e mi dice se è buono o meno. Riprendono solo a respirare quando gli dico che ha paura e che non è un pericolo. 

Pensare che il colore del pelo possa influenzare il carattere di un cane equivale a pensare che la Regina Elisabetta dorma sotto i ponti. E’ assurdo. Non c’è nessun collegamento logi…