Passa ai contenuti principali

Me e Jun. La nostra storia!

Se David Bowie è l'uomo che cadde sulla terra, Jun è la canina che cadde sulla terra!

Oggi vorrei parlarvi di lei, la mia canina Jun, la mia compagna da 5 anni e mezzo, il mio amore immenso! 

Questa è una dedica di amore per colei che è l'amore mio più grande e la parte migliore di me. #ilovejun


Come vi ho detto il 9 Gennaio 2012 è morta la mia canina Joy. Dopo la sua morte io ho pianto per giorni ed ho passato il peggior compleanno della mia vita. Mi ero ripromessa che non avrei ripreso un cane subito, avrei aspettato l'estate e poi con calma sarei andata in un canile e ne avrei adottato uno. Appunto! Il 28 Gennaio è arrivata a casa Jun, scelta su internet a scatola chiusa (non fatelo mai!). Io ed il suo compagno umano maschio siamo andati a prenderla ad Anghiari e mentre ci correva in contro sotto il sottopassaggio io mi sono innamorata perdutamente di lei, di quella canina grossa e grassa di 50 giorni. Mentre la mettevo in collo al suo compagno umano avvolta nella sua copertina so che anche lui si è innamorato di lei.
Siamo tornati a casa e la prima cosa che ha fatto è chiederci di salire sul divano. E da li non è più scesa per tutta la sera!
Jun era una canina molto paurosa, delle persone, dei rumori, degli animali. Ci ha messo un po' a non aver paura di mia madre. Nonostante io facessi di tutto per farla abituare alla città, comportandomi come facevo con Joy, lei non migliorava, anzi aveva sempre più paura. 
Siamo andati anche a lezione da un educatore. Ma è stato un fiasco totale! Jun continuava ad avere paura di tutto, quindi ci è stato consigliato di socializzarla ancora di più e di lavorare sul nostro rapporto. Quindi siamo andati anche a fare agility. Ma non era la strada giusta. Tanto che una volta maturata sessualmente e dopo la sua sterilizzazione ha mostrato aggressività. mordendo per la prima volta un ragazzo che correva alle cascine. 
Un giorno ero a vedere le ragazze di agility ad una gara e Jun con la sua tenda (trasportino morbido) è partita contro un cane. Da li la mia amica Sara mi ha consigliato di andare da Marina per fare delle classi di comunicazione.
Marina mi ha ascoltato e capito e da li abbiamo iniziato il nostro percorso con lei, fatto di classi, apprendimento, ricerca e tante altre belle cose. I cani di Via del Campo sono un luogo magico, fatto di gente che non ti giudica ma è sempre pronta a darti una mano. Ho amato talmente quel posto che ho deciso che dovevo essere una compagna migliore per Jun. 
Da quel giorno è iniziata la mia nuova vita di cui Jun è l'artefice. Jun è venuta con me a due corsi istruttori, ha fatto da cavia per i fiori e veniva ovunque a qualsiasi stage o evento cinofilo ci fosse per noi. Io l'ho sempre portata con me, le vacanze erano fatte a misura sua, cercando di trovare luoghi adatti a lei e che piacessero anche a noi.
Io ho imparato a tutelarla e rispettarla ed ascoltarla ogni singolo giorno. Il nostro rapporto è cambiato. Jun non si sentiva più sola, si sentiva capita e si sentiva libera di esprimere a pieno ogni emozione sia che le cose le piacessero che no.
Purtroppo nonsostante le cose andassero molto meglio qualcosa in lei ancora non tornava. Jun infatti oltre ad un malessere emotivo aveva un gran malessere fisico. Questo malessere partiva da una grossa forma di otite allergica, fino ad arrivare ad allergie alimentari ed ambientali. Io ero disperata, ma non mi sono mai arresa un giorno. Dopo aver fatto diversi tentativi fallimentari abbiamo finalmente trovato la nostra strada ed abbiamo iniziato un percorso con una omeopata fantastica.
Jun adesso è a fine del suo percorso omeopatico, è una canina nuova, molto serena e molto felice. A volte ha delle giornate no, come tutti noi!
A volte sbaglio senza saperlo e la metto in situazioni che non vorrebbe ma lei me lo fa capire subito.
Jun per me è la perfezione fatta cane adesso che sta bene, è un piacere averla al mio fianco e come compagna di vita. Io l'ho sempre amata tantissimo ed ogni giorno la amo sempre di più!
Lei è la mia guida, colei che mi ha fatto diventare una donna migliore, lei ha lottato sempre con me, non ha smesso mai di dirmi cosa provava e cosa le faceva stare male. Lei mi spinge ogni giorno a lavorare su di me e sul fatto di migliorarci costantemente.
Io e lei abbiamo tante nuove avventure da vivere insieme ed ogni giorno lei sarà una scoperta magnifica per me. 
Jun ama il mare all'alba, i fiumi ed i laghi quando non c'è nessuno. 
Jun ama la montagna, i boschi e la natura.
Jun ama fare ricerca e balance.
Jun ama fare le cose con me se io sono felice e sono disposta a fare la scema con lei.
Jun ama stare con me a fare niente, basta che ci siamo io e lei e ci coccoliamo. 
Jun ama il suo compagno umano e stare a sbaciucchiarsi con lui.

Commenti

Post popolari in questo blog

La sindrome del cane nero è una patologia che non colpisce i cani, ma bensì gli umani.

Questa malattia ha come effetto quello di guardare i cani neri in modo diverso. Se ritrovate il vostro pensiero in almeno una delle frasi seguenti, siete affetti da questa grave malattia.

I cani neri sono più pericolosiI cani neri fanno pauraI cani neri hanno più probabilità di mordereI cani neri hanno la tendenza ad essere più aggressivi

Vi rendete conto dell’assurdità di queste affermazioni?  Eppure molta, troppa gente condivide almeno una delle frasi precedenti.
RAZZISMO VERSO IL CANE NERO Fenomeno diverso da quello del cane razzista, è il razzismo degli umani nei confronti dei cani neri. Che ci crediate o no, quando porto fuori Nerone (il mio canone nero coraggioso) la gente lo guarda con sospetto e mi dice se è buono o meno. Riprendono solo a respirare quando gli dico che ha paura e che non è un pericolo. 

Pensare che il colore del pelo possa influenzare il carattere di un cane equivale a pensare che la Regina Elisabetta dorma sotto i ponti. E’ assurdo. Non c’è nessun collegamento logi…

I fiori di Bach e le sette categorie

Oggi vorrei parlarvi delle 7 categorie in cui s possono dividere i 38 Rimedi del Dr. Bach: Fiori per la paura Fiori per coloro che soffrono l'incertezza Fiori per l'insufficiente interesse per il presente Fiori per la solitudine Fiori per l'ipersensibilitaà alle influenze e alle idee Fiori per lo scoraggiamento o la disperazione Fiori per la preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri All'interno di ogni categoria ci sono i fiori che possono essere assimilati a questa categoria che vanno a riequilibrare le varie emozioni.
Per una panoramica sui 38 rimedi, visita la pagina dedicata sul sito BachCentre.it.

Il Rescue Remedy è il rimedio di Bach più conosciuto.

Così come suggerisce il nome,viene utilizzato nei casi di emergenza, ovvero quando accade qualcosa di particolarmente devastante per noi, i nostri cari o i nostri animali, come ad esempio:incidente;lutto improvvisostress perpetuato nel tempoaggressionepaura La somministrazione consiste in 4 gocce ogni 15 minuti finchè non cominciamo a calmarci, da prendere direttamente in bocca o in una bevanda. Il Rescue Remedy è molto utile per i nostri animali nel periodo di Capodanno, quando i fuochi d’artificio li terrorizzano, aiutando a non cedere al panico. In questo caso è ottimo partire in anticipo preparando una boccetta contagocce da 30 ml con acqua e 4 gocce di Rescue Remedy e somministrare 4 gocce 4 volte al giorno già una ventina di giorni prima e concludere la somministrazione intorno alla prima settimana di gennaio. Durante il periodo di festeggiamento intenso, aumentare la frequenza delle somministrazioni. La Nelsons Homeopathic Pharmacy ha creato un Rescue Remedy specifico per gli anim…