Passa ai contenuti principali

Nerone! Il canone coraggioso.

Da un anno e poco più nella mia vita c'è un altro cane, al momento non vive con noi ma spero che presto potrà farlo!


Questa è la storia di Nerone e del suo cambiamento.
Date la possibilità ad un cane di canile di mostrarvi la sua forza e la sua bellezza.


Ho conosciuto Nerone ad Aprile del 2016 in un evento organizzato da Marina per Il Rifugio del cane di Pistoia per aiutare volontari e proprietari a capire e leggere i cani. Non so bene come e perchè ma qualcuno ha proposto di vedere Nerone, così lo vanno a prendere e lo portano nel campino. Nerone era terrorizzato da tanta gente e decide di rintanarsi nel luogo più lontano e meno visibile del campo e li ci rimane. A me si è strinto il cuore, un canone nero grande e grosso che potrebbe incutere terrore che si chiude in se stesso e si nasconde dal mondo.
Dovevo fare qualcosa, ma cosa?
Ne parlo con Marina durante un nostro viaggio di lavoro e le chiedo se secondo lei una adozione a distanza poteva aiutare Nerone. Lei mi disse che si l'avrebbe aiutato ma che voleva per lui qualcuno che si occupasse seriamente e regolarmente di lui. Lei purtroppo aveva paura che mi sarei stancata e che Nerone sarebbe ripiombato nel suo mondo. Alla fine di maggio abbiamo iniziato ad uscire insieme, la prima uscita l'abbiamo fatta io e Marina insieme a lui e Sara (una splendida canina del rifugio che cerca casa). 
E da li è iniziato il nostro percorso, fatto di tanta salita e tanti ostacoli.
Chi pensa che entrando in un canile tutti i cani lo ameranno si sbaglia di grosso. Io per Nerone all'inizio non ero nessuno, lui non mi capiva, io non capivo lui. Lui non sapeva chi ero e che volevo, come mi muovevo e che facevo. Aveva paura di un mio muovere il guinzaglio, di un mio passargli accanto, di muovere le gambe e braccia in maniera strana. A volte non voleva uscire ed io mi disperavo, dopo un po' ho capito che era la sua passeggiata e che doveva decidere lui se voleva uscire o meno.
Alla fine abbiamo iniziato a parlarci e tutto sembrava andare per il meglio ma poco prima delle ferie di agosto un evento ci ha riportato indietro anni luce.
Nerone era stato spostato e non capivo perchè, era strano, molto giù e quel giorno fu un trauma per lui uscire. Purtroppo la sua malattia l'aveva portato in un attacco di gastrite a mangiare le medicine che aveva trovato nella sua gabbia che l'avevano fatto vomitare e stare peggio. 
Lui quel giorno ha messo un muro tra di noi! Non si fidava più di me e non voleva uscire.
Piano piano, portandolo nel campino sciolto senza chiedere nulla ha ridato fiducia in lui e siamo ritornati quelli di sempre, con le nostre giornate si e le nostre giornate no.
Ma nessuno lo adottava ed io speravo tanto che qualcuno lo portasse a casa, nel frattempo avevo fatto adottare due cani del Rifugio ma nessuno lo voleva.
Un giorno, non so bene quando e come ho pensato che forse se Jun avesse accettato lui, se con il fatto del nuovo lavoro avessi avuto modo di organizzarmi bene Nerone sarebbe potuto venire a vivere con noi. Lo chiedo a Marina e facciamo il primo incontro tra Nerone e Jun. 
Io ho quasi pianto.
Jun è stata bravissima con lui e per niente intimorita. Nerone era estasiato da conoscerla, anche se non ama il suo aspetto rissaiolo, ma adorava me e lei insieme. Da li è stato l'inizio del mio pensare a Noi come famiglia
Ogni settimana ci vediamo con Marina per aiutare Nerone, il cane fobico a conoscere gli aspetti della vita al di fuori del canile.
La strada è lunga con lui ma noi abbiamo tutta la pazienza ed il tempo del mondo e prima o poi riusciremo a far venire Nerone a Firenze.
Nerone è cambiato tanto da quando ha conosciuto Jun, è diventato un cane molto affettuoso, mi cerca, mi saluta, vuole le cocoole, si permette cose che prima non aveva mai fatto, come abbaiare o rotolarsi. 
Nerone sarà una scoperta continua, ogni giorno sarà meno fobico e mi mostrerà qualcosa del suo carattere.
Nerone ama i cani
Nerone ama i dentasticks ed i biscotti
Nerone ama fare ricerca nei prati
Nerone ama rotolarsi e fare il cretino
Nerone ama godersi la vita a pieno, nonostante la malattia e tutto quello che comporti la leshmania, i dolori, non vederci bene ed essere senza denti.
Nerone è il simbolo che se tu dai fiducia ad un cane e ci credi lui farà di tutto per essere ogni giorno un essere diverso e metterci tutto il coraggio e la forza per affrontare il mondo.



#canonecoraggioso

Commenti

Post popolari in questo blog

I fiori di Bach e le sette categorie

Oggi vorrei parlarvi delle 7 categorie in cui s possono dividere i 38 Rimedi del Dr. Bach: Fiori per la paura Fiori per coloro che soffrono l'incertezza Fiori per l'insufficiente interesse per il presente Fiori per la solitudine Fiori per l'ipersensibilitaà alle influenze e alle idee Fiori per lo scoraggiamento o la disperazione Fiori per la preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri All'interno di ogni categoria ci sono i fiori che possono essere assimilati a questa categoria che vanno a riequilibrare le varie emozioni.
Per una panoramica sui 38 rimedi, visita la pagina dedicata sul sito BachCentre.it.

La sindrome del cane nero è una patologia che non colpisce i cani, ma bensì gli umani.

Questa malattia ha come effetto quello di guardare i cani neri in modo diverso. Se ritrovate il vostro pensiero in almeno una delle frasi seguenti, siete affetti da questa grave malattia.

I cani neri sono più pericolosiI cani neri fanno pauraI cani neri hanno più probabilità di mordereI cani neri hanno la tendenza ad essere più aggressivi

Vi rendete conto dell’assurdità di queste affermazioni?  Eppure molta, troppa gente condivide almeno una delle frasi precedenti.
RAZZISMO VERSO IL CANE NERO Fenomeno diverso da quello del cane razzista, è il razzismo degli umani nei confronti dei cani neri. Che ci crediate o no, quando porto fuori Nerone (il mio canone nero coraggioso) la gente lo guarda con sospetto e mi dice se è buono o meno. Riprendono solo a respirare quando gli dico che ha paura e che non è un pericolo. 

Pensare che il colore del pelo possa influenzare il carattere di un cane equivale a pensare che la Regina Elisabetta dorma sotto i ponti. E’ assurdo. Non c’è nessun collegamento logi…

Il Rescue Remedy è il rimedio di Bach più conosciuto.

Così come suggerisce il nome,viene utilizzato nei casi di emergenza, ovvero quando accade qualcosa di particolarmente devastante per noi, i nostri cari o i nostri animali, come ad esempio:incidente;lutto improvvisostress perpetuato nel tempoaggressionepaura La somministrazione consiste in 4 gocce ogni 15 minuti finchè non cominciamo a calmarci, da prendere direttamente in bocca o in una bevanda. Il Rescue Remedy è molto utile per i nostri animali nel periodo di Capodanno, quando i fuochi d’artificio li terrorizzano, aiutando a non cedere al panico. In questo caso è ottimo partire in anticipo preparando una boccetta contagocce da 30 ml con acqua e 4 gocce di Rescue Remedy e somministrare 4 gocce 4 volte al giorno già una ventina di giorni prima e concludere la somministrazione intorno alla prima settimana di gennaio. Durante il periodo di festeggiamento intenso, aumentare la frequenza delle somministrazioni. La Nelsons Homeopathic Pharmacy ha creato un Rescue Remedy specifico per gli anim…