Passa ai contenuti principali

Nerone! Il canone coraggioso.

Da un anno e poco più nella mia vita c'è un altro cane, al momento non vive con noi ma spero che presto potrà farlo!


Questa è la storia di Nerone e del suo cambiamento.
Date la possibilità ad un cane di canile di mostrarvi la sua forza e la sua bellezza.


Ho conosciuto Nerone ad Aprile del 2016 in un evento organizzato da Marina per Il Rifugio del cane di Pistoia per aiutare volontari e proprietari a capire e leggere i cani. Non so bene come e perchè ma qualcuno ha proposto di vedere Nerone, così lo vanno a prendere e lo portano nel campino. Nerone era terrorizzato da tanta gente e decide di rintanarsi nel luogo più lontano e meno visibile del campo e li ci rimane. A me si è strinto il cuore, un canone nero grande e grosso che potrebbe incutere terrore che si chiude in se stesso e si nasconde dal mondo.
Dovevo fare qualcosa, ma cosa?
Ne parlo con Marina durante un nostro viaggio di lavoro e le chiedo se secondo lei una adozione a distanza poteva aiutare Nerone. Lei mi disse che si l'avrebbe aiutato ma che voleva per lui qualcuno che si occupasse seriamente e regolarmente di lui. Lei purtroppo aveva paura che mi sarei stancata e che Nerone sarebbe ripiombato nel suo mondo. Alla fine di maggio abbiamo iniziato ad uscire insieme, la prima uscita l'abbiamo fatta io e Marina insieme a lui e Sara (una splendida canina del rifugio che cerca casa). 
E da li è iniziato il nostro percorso, fatto di tanta salita e tanti ostacoli.
Chi pensa che entrando in un canile tutti i cani lo ameranno si sbaglia di grosso. Io per Nerone all'inizio non ero nessuno, lui non mi capiva, io non capivo lui. Lui non sapeva chi ero e che volevo, come mi muovevo e che facevo. Aveva paura di un mio muovere il guinzaglio, di un mio passargli accanto, di muovere le gambe e braccia in maniera strana. A volte non voleva uscire ed io mi disperavo, dopo un po' ho capito che era la sua passeggiata e che doveva decidere lui se voleva uscire o meno.
Alla fine abbiamo iniziato a parlarci e tutto sembrava andare per il meglio ma poco prima delle ferie di agosto un evento ci ha riportato indietro anni luce.
Nerone era stato spostato e non capivo perchè, era strano, molto giù e quel giorno fu un trauma per lui uscire. Purtroppo la sua malattia l'aveva portato in un attacco di gastrite a mangiare le medicine che aveva trovato nella sua gabbia che l'avevano fatto vomitare e stare peggio. 
Lui quel giorno ha messo un muro tra di noi! Non si fidava più di me e non voleva uscire.
Piano piano, portandolo nel campino sciolto senza chiedere nulla ha ridato fiducia in lui e siamo ritornati quelli di sempre, con le nostre giornate si e le nostre giornate no.
Ma nessuno lo adottava ed io speravo tanto che qualcuno lo portasse a casa, nel frattempo avevo fatto adottare due cani del Rifugio ma nessuno lo voleva.
Un giorno, non so bene quando e come ho pensato che forse se Jun avesse accettato lui, se con il fatto del nuovo lavoro avessi avuto modo di organizzarmi bene Nerone sarebbe potuto venire a vivere con noi. Lo chiedo a Marina e facciamo il primo incontro tra Nerone e Jun. 
Io ho quasi pianto.
Jun è stata bravissima con lui e per niente intimorita. Nerone era estasiato da conoscerla, anche se non ama il suo aspetto rissaiolo, ma adorava me e lei insieme. Da li è stato l'inizio del mio pensare a Noi come famiglia
Ogni settimana ci vediamo con Marina per aiutare Nerone, il cane fobico a conoscere gli aspetti della vita al di fuori del canile.
La strada è lunga con lui ma noi abbiamo tutta la pazienza ed il tempo del mondo e prima o poi riusciremo a far venire Nerone a Firenze.
Nerone è cambiato tanto da quando ha conosciuto Jun, è diventato un cane molto affettuoso, mi cerca, mi saluta, vuole le cocoole, si permette cose che prima non aveva mai fatto, come abbaiare o rotolarsi. 
Nerone sarà una scoperta continua, ogni giorno sarà meno fobico e mi mostrerà qualcosa del suo carattere.
Nerone ama i cani
Nerone ama i dentasticks ed i biscotti
Nerone ama fare ricerca nei prati
Nerone ama rotolarsi e fare il cretino
Nerone ama godersi la vita a pieno, nonostante la malattia e tutto quello che comporti la leshmania, i dolori, non vederci bene ed essere senza denti.
Nerone è il simbolo che se tu dai fiducia ad un cane e ci credi lui farà di tutto per essere ogni giorno un essere diverso e metterci tutto il coraggio e la forza per affrontare il mondo.



#canonecoraggioso

Commenti

Post popolari in questo blog

I fiori di Bach e le sette categorie

Oggi vorrei parlarvi delle 7 categorie in cui s possono dividere i 38 Rimedi del Dr. Bach: Fiori per la paura Fiori per coloro che soffrono l'incertezza Fiori per l'insufficiente interesse per il presente Fiori per la solitudine Fiori per l'ipersensibilitaà alle influenze e alle idee Fiori per lo scoraggiamento o la disperazione Fiori per la preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri All'interno di ogni categoria ci sono i fiori che possono essere assimilati a questa categoria che vanno a riequilibrare le varie emozioni.
Per una panoramica sui 38 rimedi, visita la pagina dedicata sul sito BachCentre.it.

Fiori Australiani per gli animali

Gioia, eccitazione, dolore, tristezza e rabbia trovano riscontro nel mondo animale. 

Gli animali, come tutti gli essere viventi, hanno vibrazioni energetiche proprie e l’equilibrio di tale energia è fondamentale per il loro benessere. 

Le Australian Bush Flower Essences aiutano ad armonizzare i disequilibri vibrazionali che possono influire negativamente. Aiutano a elaborare gli effetti delle esperienze negative e agiscono sui modelli comportamentali che possono influire negativamente sulla qualità di vita di ogni essere vivente.
Sono particolarmente utili per ristabilire l’equilibrio naturale e favoriscono l’armonia ristabilendo la connessione con le energie positive della Natura.


Consigli d’uso:
Aggiungere 4 gocce per gli animali di piccola taglia (pesci, uccelli, criceti, conigli) e 7 gocce per gli animali di media (cani e gatti) e grande taglia (cavalli, mucche) mattino e sera.
Oggi vi perlo dei composti già pronti dell' Australian Bush Flower- Universe Pet.
AGGRESSIVE - Tendenze agg…

Candida e cistite:l’importanza dei batteri buoni

La salute intima dipende dalla presenza di batteri buoni e dall’integrità dei tessuti urinari e genitali. 
La flora batterica vaginale è composta per il 90% da batteri buoni (lattobacilli) e per il 10% da microrganismi potenzialmente patogeni (batteri, virus e candida). Quando questo rapporto varia, subentra l’infezione vaginale, che può estendersi alle vie urinarie provocando cistite.

I patogeni provocano infezione solo se incontrano un tessuto privo del primo strato di cellule superficiali più resistenti. La mucosa sottostante infatti è più debole e vulnerabile agli attacchi microbici.
La medicina ufficiale cura cistite e candida con antibiotici e antimicotici, ma spesso questo approccio aggressivo è inefficace. 
Meglio ripristinare i lattobacilli vaginali, rinforzare le mucose ed evitare i fattori che alterano queste difese.

Alcuni consigli per sconfiggere la candida:

Antibiotici: uccidono i batteri patogeni, ma anche i lattobacilli intestinali e vaginali, debilitando il sistema immuni…