Passa ai contenuti principali

Libroterapia e le fatine dei libri.

Si chiama libroterapia ed è l’ultima rivoluzionaria scoperta in fatto di benessere psico-fisico. Utilizzata da anni negli Stati Uniti e nel resto dell’Europa, è approdata qui in Italia da poco tempo ma conta già diversi entusiasti seguaci.

La libroterapia, o biblioterapia, è dunque quella pratica secondo cui, attraverso la lettura di un testo e la sua condivisione con un terapeuta specializzato (libroterapeuta) o con una serie di membri che partecipano all’esperienza, si da il via ad un vero e proprio percorso psicoterapico, finalizzato alla conoscenza di sé e ad un enpowerment personale.

Come è nata la libroterapia

Fu W.C. Menninger ad introdurre per la prima volta la libroterapia nel 1937 all’interno della clinica psichiatrica in cui operava: al tempo egli aveva inserito la lettura di vari romanzi nell’ambito del trattamento di alcuni pazienti affetti da disturbi psichici, per poi riscontrane i benefici e confermare la sua tesi nel trattato di psichiatria da lui successivamente redatto.
Secondo molti studiosi infatti il libro va oltre il semplice piacere legato alla lettura, ma diventa velocemente “l’altro luogo”condiviso da paziente e terapeuta, una sorta di zona neutrale dove lavorare per il benessere della persona in cura.
Numerosi studi hanno attestato la validità di questo trattamento sia in età adulta che in quella adolescenziale ed infantile, e i suoi benefici sono stati estesi a tutti i lettori, non solo ai pazienti in terapia psichiatrica, in quanto i libri forniscono continui spunti di riflessione e di confronto anche a livello quotidiano.
Ogni testo pertanto va bene per iniziare questo tipo di percorso, dal romanzo alla biografia, dal racconto al libro di poesie, la scelta è ampissima in quanto non esiste un libro più adatto di un altro quando si tratta di ricavarne benessere. Qualche attenzione in più è riservata però a coloro che seguono una linea terapeutica, in tal caso infatti è l’esperto che sceglie il testo che meglio possa generare una riflessione nel paziente.
Il terapeuta, tenendo conto della persona che ha davanti, della sua storia clinica e del suo vissuto, può garantire così la riuscita del suo lavoro.
Io in quanto consulente del ben-essere che faccio?
Oltre a scrivere un libro, scaricabile gratuitamente da iTunes e Amazon, leggere tanti libri (ho anche finito il famoso libro sulla gratitudine) sono diventata da poco una fatina dei libri.
Mentre Babbo Natale e la Befana lavorano solo per un giorno l’anno, le fatine dei libri lavorano 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Ah, ovviamente 365 giorni l’anno. Paga? Zero, l’unica moneta con cui sperano di essere ricompensate è la gratitudine del fortunato che metterà le mani sui libri che lasciano in giro in posti “segreti”. 
Chi sono?

STIAMO PARLANDO DELLE BOOK FAIRIES, ADORABILI RAGAZZE SPARSE IN TUTTO IL MONDO CHE “LIBERANO” I LORO LIBRI PER PROMUOVERE IL PIÙ POSSIBILE LA LETTURA!



Ma…esistono sul serio? Certo, ed una delle più famose è proprio Emma Watson, l’adorabile “maghetta babbana” di Harry Potter. Tramite il suo profilo Instagram sta regalando a tutti i suoi seguaci piccoli indizi su dove trovare i libri che sparpaglia in giro. Se a Firenze trovate dei libri nascosti sapete che la fatina li ha lasciati li per voi...

Commenti

Post popolari in questo blog

Fiori Australiani per gli animali

Gioia, eccitazione, dolore, tristezza e rabbia trovano riscontro nel mondo animale. 

Gli animali, come tutti gli essere viventi, hanno vibrazioni energetiche proprie e l’equilibrio di tale energia è fondamentale per il loro benessere. 

Le Australian Bush Flower Essences aiutano ad armonizzare i disequilibri vibrazionali che possono influire negativamente. Aiutano a elaborare gli effetti delle esperienze negative e agiscono sui modelli comportamentali che possono influire negativamente sulla qualità di vita di ogni essere vivente.
Sono particolarmente utili per ristabilire l’equilibrio naturale e favoriscono l’armonia ristabilendo la connessione con le energie positive della Natura.


Consigli d’uso:
Aggiungere 4 gocce per gli animali di piccola taglia (pesci, uccelli, criceti, conigli) e 7 gocce per gli animali di media (cani e gatti) e grande taglia (cavalli, mucche) mattino e sera.
Oggi vi perlo dei composti già pronti dell' Australian Bush Flower- Universe Pet.
AGGRESSIVE - Tendenze agg…

I fiori di Bach e le sette categorie

Oggi vorrei parlarvi delle 7 categorie in cui s possono dividere i 38 Rimedi del Dr. Bach: Fiori per la paura Fiori per coloro che soffrono l'incertezza Fiori per l'insufficiente interesse per il presente Fiori per la solitudine Fiori per l'ipersensibilitaà alle influenze e alle idee Fiori per lo scoraggiamento o la disperazione Fiori per la preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri All'interno di ogni categoria ci sono i fiori che possono essere assimilati a questa categoria che vanno a riequilibrare le varie emozioni.
Per una panoramica sui 38 rimedi, visita la pagina dedicata sul sito BachCentre.it.

Le Zecche e come aiutare gli animali

Le zecche sono parassiti molto pericolosi che trasmettono malattie a volte mortali e sono riconoscibili per la presenza di otto piccole zampe. Esse possono trovarsi attaccate alla pelle,sulle orecchie,sul collo,sulle zampe e tra le dita del cane e del gatto. Si attaccano con il loro apparato boccale in qualsiasi parte del corpo del cane,specie sulla testa,sul collo e negli spazi delle dita e ne succhiano il sangue fino a gonfiarsi quanto un pisello. E’ necessario prevenire questo pericolo con periodici controlli e regolari spazzolature specialmente quando si torna da passeggiate tra i boschi,e passare le dita delle mani leggermente contropelo alla ricerca di piccoli noduli,sporgenze,delle dimensioni di 2-10 mm in tal modo è possibile verificare la presenza delle zecche; inoltre è necessario usare con prodotti antiparassitari specifici, come per le pulci. Sono i boschi,cespugli e campi erbosi gli ambienti preferiti delle zecche;esse salgono sui ciuffi d’erba ed attendono il passaggio di qua…