Passa ai contenuti principali

Come insegnare ai nostri figli a raggiungere un obiettivo

Lo scorso weekend stavo leggendo un articolo sull'Internazionale e parlava appunto di come insegnare ai bambini a raggiungere un obiettivo.
L'articolo diceva che uno studio scientifico aveva visto che i bambini di 15 mesi che avevano visto un adulto tentare e perseverare nell'aprire una scatola erano poi riusciti perseverando ad accendere un gioco musicale, quindi tentavano di più e sperimentavano, a differenza invece di alcuni ragazzi che non avevano visto il video che erano più inclini ad abbandonare e non riuscivano ad accendere il gioco musicale. 
Spesso si parla di non dare sempre vinta tutto ai figli, a non aiutarli troppo a non fargli sempre trovare le vie più facili per arrivare al risultato. 
I
o credo che sia veramente difficile per un genitore, io in quanto madre di cani tante volte mi trovo ad aiutare il mio cane in difficoltà durante gli esercizi perchè è un cane che si annoia facilmente e reagisce molto male ai fallimenti, inoltre si annoia subito. Io non sono mai stata aiutata, sono sempre stata tanto indipendente è vero, ma a volte un aiuto, un complimento, un incoraggiamento mi sarebbe servito e forse adesso cerco di fare il contrario di quello che è stato fatto con me.

Il compito del genitore non è facile e non voglio paragonarlo a quello del compito di un proprietario di cani che fa attività sportive, però mi ha fatto riflettere che forse spesso preferiamo per comodità aiutare troppo piuttosto che lasciarli sbagliare o magare scontrarsi con loro o vederli delusi.

In questo annoso dilemma ci vengono incontro i fiori che come vi dicevo nello scorso articolo sono utili per i bimbi che per i genitori. Chi si trova in difficoltà può trovare il beneficio dei fiori per se stesso e cercare anche di sviscerare le emozioni che stanno dietro ad un bimbo che abbandona l'obiettivo, che chiede sempre aiuto e si rifugia sotto le ali dei genitori. Crescere è difficile, crescere come genitori anche...ma oggi giorno abbiamo tante possibilità per farlo al meglio.



Commenti

Post popolari in questo blog

Fiori Australiani per gli animali

Gioia, eccitazione, dolore, tristezza e rabbia trovano riscontro nel mondo animale. 

Gli animali, come tutti gli essere viventi, hanno vibrazioni energetiche proprie e l’equilibrio di tale energia è fondamentale per il loro benessere. 

Le Australian Bush Flower Essences aiutano ad armonizzare i disequilibri vibrazionali che possono influire negativamente. Aiutano a elaborare gli effetti delle esperienze negative e agiscono sui modelli comportamentali che possono influire negativamente sulla qualità di vita di ogni essere vivente.
Sono particolarmente utili per ristabilire l’equilibrio naturale e favoriscono l’armonia ristabilendo la connessione con le energie positive della Natura.


Consigli d’uso:
Aggiungere 4 gocce per gli animali di piccola taglia (pesci, uccelli, criceti, conigli) e 7 gocce per gli animali di media (cani e gatti) e grande taglia (cavalli, mucche) mattino e sera.
Oggi vi perlo dei composti già pronti dell' Australian Bush Flower- Universe Pet.
AGGRESSIVE - Tendenze agg…

I fiori di Bach e le sette categorie

Oggi vorrei parlarvi delle 7 categorie in cui s possono dividere i 38 Rimedi del Dr. Bach: Fiori per la paura Fiori per coloro che soffrono l'incertezza Fiori per l'insufficiente interesse per il presente Fiori per la solitudine Fiori per l'ipersensibilitaà alle influenze e alle idee Fiori per lo scoraggiamento o la disperazione Fiori per la preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri All'interno di ogni categoria ci sono i fiori che possono essere assimilati a questa categoria che vanno a riequilibrare le varie emozioni.
Per una panoramica sui 38 rimedi, visita la pagina dedicata sul sito BachCentre.it.

Le Zecche e come aiutare gli animali

Le zecche sono parassiti molto pericolosi che trasmettono malattie a volte mortali e sono riconoscibili per la presenza di otto piccole zampe. Esse possono trovarsi attaccate alla pelle,sulle orecchie,sul collo,sulle zampe e tra le dita del cane e del gatto. Si attaccano con il loro apparato boccale in qualsiasi parte del corpo del cane,specie sulla testa,sul collo e negli spazi delle dita e ne succhiano il sangue fino a gonfiarsi quanto un pisello. E’ necessario prevenire questo pericolo con periodici controlli e regolari spazzolature specialmente quando si torna da passeggiate tra i boschi,e passare le dita delle mani leggermente contropelo alla ricerca di piccoli noduli,sporgenze,delle dimensioni di 2-10 mm in tal modo è possibile verificare la presenza delle zecche; inoltre è necessario usare con prodotti antiparassitari specifici, come per le pulci. Sono i boschi,cespugli e campi erbosi gli ambienti preferiti delle zecche;esse salgono sui ciuffi d’erba ed attendono il passaggio di qua…