Passa ai contenuti principali

Come insegnare ai nostri figli a raggiungere un obiettivo

Lo scorso weekend stavo leggendo un articolo sull'Internazionale e parlava appunto di come insegnare ai bambini a raggiungere un obiettivo.
L'articolo diceva che uno studio scientifico aveva visto che i bambini di 15 mesi che avevano visto un adulto tentare e perseverare nell'aprire una scatola erano poi riusciti perseverando ad accendere un gioco musicale, quindi tentavano di più e sperimentavano, a differenza invece di alcuni ragazzi che non avevano visto il video che erano più inclini ad abbandonare e non riuscivano ad accendere il gioco musicale. 
Spesso si parla di non dare sempre vinta tutto ai figli, a non aiutarli troppo a non fargli sempre trovare le vie più facili per arrivare al risultato. 
I
o credo che sia veramente difficile per un genitore, io in quanto madre di cani tante volte mi trovo ad aiutare il mio cane in difficoltà durante gli esercizi perchè è un cane che si annoia facilmente e reagisce molto male ai fallimenti, inoltre si annoia subito. Io non sono mai stata aiutata, sono sempre stata tanto indipendente è vero, ma a volte un aiuto, un complimento, un incoraggiamento mi sarebbe servito e forse adesso cerco di fare il contrario di quello che è stato fatto con me.

Il compito del genitore non è facile e non voglio paragonarlo a quello del compito di un proprietario di cani che fa attività sportive, però mi ha fatto riflettere che forse spesso preferiamo per comodità aiutare troppo piuttosto che lasciarli sbagliare o magare scontrarsi con loro o vederli delusi.

In questo annoso dilemma ci vengono incontro i fiori che come vi dicevo nello scorso articolo sono utili per i bimbi che per i genitori. Chi si trova in difficoltà può trovare il beneficio dei fiori per se stesso e cercare anche di sviscerare le emozioni che stanno dietro ad un bimbo che abbandona l'obiettivo, che chiede sempre aiuto e si rifugia sotto le ali dei genitori. Crescere è difficile, crescere come genitori anche...ma oggi giorno abbiamo tante possibilità per farlo al meglio.



Commenti

Post popolari in questo blog

La sindrome del cane nero è una patologia che non colpisce i cani, ma bensì gli umani.

Questa malattia ha come effetto quello di guardare i cani neri in modo diverso. Se ritrovate il vostro pensiero in almeno una delle frasi seguenti, siete affetti da questa grave malattia.

I cani neri sono più pericolosiI cani neri fanno pauraI cani neri hanno più probabilità di mordereI cani neri hanno la tendenza ad essere più aggressivi

Vi rendete conto dell’assurdità di queste affermazioni?  Eppure molta, troppa gente condivide almeno una delle frasi precedenti.
RAZZISMO VERSO IL CANE NERO Fenomeno diverso da quello del cane razzista, è il razzismo degli umani nei confronti dei cani neri. Che ci crediate o no, quando porto fuori Nerone (il mio canone nero coraggioso) la gente lo guarda con sospetto e mi dice se è buono o meno. Riprendono solo a respirare quando gli dico che ha paura e che non è un pericolo. 

Pensare che il colore del pelo possa influenzare il carattere di un cane equivale a pensare che la Regina Elisabetta dorma sotto i ponti. E’ assurdo. Non c’è nessun collegamento logi…

I fiori di Bach e le sette categorie

Oggi vorrei parlarvi delle 7 categorie in cui s possono dividere i 38 Rimedi del Dr. Bach: Fiori per la paura Fiori per coloro che soffrono l'incertezza Fiori per l'insufficiente interesse per il presente Fiori per la solitudine Fiori per l'ipersensibilitaà alle influenze e alle idee Fiori per lo scoraggiamento o la disperazione Fiori per la preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri All'interno di ogni categoria ci sono i fiori che possono essere assimilati a questa categoria che vanno a riequilibrare le varie emozioni.
Per una panoramica sui 38 rimedi, visita la pagina dedicata sul sito BachCentre.it.

Il Rescue Remedy è il rimedio di Bach più conosciuto.

Così come suggerisce il nome,viene utilizzato nei casi di emergenza, ovvero quando accade qualcosa di particolarmente devastante per noi, i nostri cari o i nostri animali, come ad esempio:incidente;lutto improvvisostress perpetuato nel tempoaggressionepaura La somministrazione consiste in 4 gocce ogni 15 minuti finchè non cominciamo a calmarci, da prendere direttamente in bocca o in una bevanda. Il Rescue Remedy è molto utile per i nostri animali nel periodo di Capodanno, quando i fuochi d’artificio li terrorizzano, aiutando a non cedere al panico. In questo caso è ottimo partire in anticipo preparando una boccetta contagocce da 30 ml con acqua e 4 gocce di Rescue Remedy e somministrare 4 gocce 4 volte al giorno già una ventina di giorni prima e concludere la somministrazione intorno alla prima settimana di gennaio. Durante il periodo di festeggiamento intenso, aumentare la frequenza delle somministrazioni. La Nelsons Homeopathic Pharmacy ha creato un Rescue Remedy specifico per gli anim…