Passa ai contenuti principali

Buoni propositi per il 2018: dormire bene o meglio riposare

L'insonnia è un disturbo del sonno caratterizzato dall'impossibilità di addormentarsi o di dormire per un tempo ragionevole durante la notte. 
L'insonnia può essere iniziale (quando si fa fatica ad addormentarsi), centrale (caratterizzata da risvegli frequenti durante la notte) e tardiva (caratterizzata da risveglio mattutino precoce).

Esiste anche un'insonnia soggettiva, ovvero la percezione di dormire poco e male, nonostante i dati oggettivi dimostrino il contrario e la persona dorma più o meno regolarmente.
Nel contesto dei fiori di Bach ci interessa l'esperienza soggettiva del sonno cioè quello che si prova quando non si riesce a dormire bene.
Per buon sonno si intende che si riesce ad addormentarsi con facilità rilassandosi subito, che il sonno sia continuo e che il risveglio sia semplice e senza sonnolenza.
Per rendere bene l'idea, non sono importanti le ore di sonno ma che questo sia ristoratore. 

Come sempre con i fiori di Bach ci interessa capire come ci si sente quando non si dorme bene o si ha insonnia. Quello che ognuno prova è la chiave per analizzare l'insonnia nel contesto della floriterapia.
Ecco alcuni esempi non esaustivi se non corredati di una consulenza fatta con un professionista:
  • Di notte non riesco a dormire e di giorno crollo dal sonno - Agrimony
  • Dormo troppo poco - Impatiens
  • Quando dormo in un letto non mio, non riesco a dormire - Walnut
  • Ho bisogno di dormire molto - Olive/ Clematis
  • Quando mi sveglio non sopporto nulla - Impatiens/ Beech
  • Alla sera i continui pensieri non mi fanno addormentare - White Chestnut
  • Ho bisogno della luce accesa per dormire - HeatherMimulus
  • Soffro di sonnambulismo - Cherry Plum
  • Mi risveglio tutto sudato e ansioso - Rock Rose
  • Parlo di notte - Agrimony
  • Mi risveglio urlando - Aspen
  • Bruxismo notturno o digrignare i denti durante la notte - Cherry Plum/Agrimony
  • E' difficile rilassarsi appena si va a dormire - Vervain
Se la scelta rimane difficile e si vuole qualcosa di sintomatico si può provare con il Rescue Remedy insieme White Chestnut.

Naturalmente vi invito a fissare un appuntamento con una consulente per capire insieme a voi il bouquet di fiori più adatto ai vostri problemi.



Commenti

Post popolari in questo blog

I fiori di Bach e le sette categorie

Oggi vorrei parlarvi delle 7 categorie in cui s possono dividere i 38 Rimedi del Dr. Bach: Fiori per la paura Fiori per coloro che soffrono l'incertezza Fiori per l'insufficiente interesse per il presente Fiori per la solitudine Fiori per l'ipersensibilitaà alle influenze e alle idee Fiori per lo scoraggiamento o la disperazione Fiori per la preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri All'interno di ogni categoria ci sono i fiori che possono essere assimilati a questa categoria che vanno a riequilibrare le varie emozioni.
Per una panoramica sui 38 rimedi, visita la pagina dedicata sul sito BachCentre.it.

Fiori Australiani per gli animali

Gioia, eccitazione, dolore, tristezza e rabbia trovano riscontro nel mondo animale. 

Gli animali, come tutti gli essere viventi, hanno vibrazioni energetiche proprie e l’equilibrio di tale energia è fondamentale per il loro benessere. 

Le Australian Bush Flower Essences aiutano ad armonizzare i disequilibri vibrazionali che possono influire negativamente. Aiutano a elaborare gli effetti delle esperienze negative e agiscono sui modelli comportamentali che possono influire negativamente sulla qualità di vita di ogni essere vivente.
Sono particolarmente utili per ristabilire l’equilibrio naturale e favoriscono l’armonia ristabilendo la connessione con le energie positive della Natura.


Consigli d’uso:
Aggiungere 4 gocce per gli animali di piccola taglia (pesci, uccelli, criceti, conigli) e 7 gocce per gli animali di media (cani e gatti) e grande taglia (cavalli, mucche) mattino e sera.
Oggi vi perlo dei composti già pronti dell' Australian Bush Flower- Universe Pet.
AGGRESSIVE - Tendenze agg…

La sindrome del cane nero è una patologia che non colpisce i cani, ma bensì gli umani.

Questa malattia ha come effetto quello di guardare i cani neri in modo diverso. Se ritrovate il vostro pensiero in almeno una delle frasi seguenti, siete affetti da questa grave malattia.

I cani neri sono più pericolosiI cani neri fanno pauraI cani neri hanno più probabilità di mordereI cani neri hanno la tendenza ad essere più aggressivi

Vi rendete conto dell’assurdità di queste affermazioni?  Eppure molta, troppa gente condivide almeno una delle frasi precedenti.
RAZZISMO VERSO IL CANE NERO Fenomeno diverso da quello del cane razzista, è il razzismo degli umani nei confronti dei cani neri. Che ci crediate o no, quando porto fuori Nerone (il mio canone nero coraggioso) la gente lo guarda con sospetto e mi dice se è buono o meno. Riprendono solo a respirare quando gli dico che ha paura e che non è un pericolo. 

Pensare che il colore del pelo possa influenzare il carattere di un cane equivale a pensare che la Regina Elisabetta dorma sotto i ponti. E’ assurdo. Non c’è nessun collegamento logi…