Passa ai contenuti principali

Gennaio 2018 recensione libri: Yoga Finanziario La felicità fa i soldi

Eccoci alla prima recensione del primo libro letto a Gennaio: La felicità fa i soldi: Ricchi dentro e fuori con lo yoga finanziario.

Devo dire che all'inizio ho faticato un po' a leggerlo anche perché me lo trascino da ottobre, ma poi alla fine a Gennaio mi sono promessa di leggerlo e l'ho apprezzato un po' di più.

Parlano di yoga finanziario inteso come unione che passa da tre livelli di ricchezza dalla quale tutti dobbiamo passare:

1) istintiva (sorpavvivere)
2) emotiva (volere sempre più soldi)
3) consapevole (non far caso al conto corrente e vivere felici).

Ci sono cose da fare per passare dalla istintiva all'emotiva:
liberarsi dai concetti:
1) il denaro è il male
2) il tempo non basta mai
3) la libertà è un'utopia
4) non si può non lavorare

Durante la ricchezza emotiva il tempo viene impiegato per:
1) creare denaro
2) gestire il denaro
3)diversificare il denaro.
Ma comunque i soldi non bastano mai e ci si si intossica di persone negative e si crede che per fare i soldi dobbiamo essere cattivi.

Per poter passare alla fase successiva dobbiamo:
1) smettere di essere cattivi o di crederlo
2)smettere di essere emotivi riguardo ai soldi
3) uccidere l'ego.

Nella ricchezza consapevole capiamo che il fatto di essere felici ci rende ricchi, si vive nell'abbondanza, attirando abbondanza, si segue la nostra vocazione e quindi non si lavora più per soldi e si vive nel qui ed ora. 
Si inizia a meditare per entrare in contatto con la nostra essenza più prodonda ed il meditare aiuta anche la presenza e lo stare nel qui ed ora.

Impariamo a dare consigli, aiuti e qualsiasi cosa l'universo ci chiede ed imparando a dare impariamo a ricevere quello che vogliamo (e qui si rientra di nuovo a parlare di legge di attrazione)

Nell'ultima parte invece parlano di come spendere bene le nostre energie: "Less is more". Del famoso principio di Pareto che dice che con il 20% di energia si ottiene l'80% del risultato, o anche il principio di Parkinson che dice che più tempo ti dai più tempo sprechi. In poche parole CONCENTRAZIONE su un obbiettivo.
Viene affrontato anche il fatto che dobbiamo trovare la nostra vocazione (amare col cuore) e definiscono invece la passione come amare di teste.

Ma come si fa a capire la vocazione?

Bisogna ascoltare i segnali delle persone, dell'universo, della vita e togliersi le seguenti paure:
1) paura di essere fraintesi, non capiti, derisi.
2) paura di perdere la propria identità
3) paura di fallire
4) paura di essere brillanti.

Ci vuole un pizzico di follia insomma e come diceva Steve Jobs: Stay Hungy, Stay Foolish (Siate affamati. Siate folli).

Buona lettura....




Commenti

Post popolari in questo blog

La sindrome del cane nero è una patologia che non colpisce i cani, ma bensì gli umani.

Questa malattia ha come effetto quello di guardare i cani neri in modo diverso. Se ritrovate il vostro pensiero in almeno una delle frasi seguenti, siete affetti da questa grave malattia.

I cani neri sono più pericolosiI cani neri fanno pauraI cani neri hanno più probabilità di mordereI cani neri hanno la tendenza ad essere più aggressivi

Vi rendete conto dell’assurdità di queste affermazioni?  Eppure molta, troppa gente condivide almeno una delle frasi precedenti.
RAZZISMO VERSO IL CANE NERO Fenomeno diverso da quello del cane razzista, è il razzismo degli umani nei confronti dei cani neri. Che ci crediate o no, quando porto fuori Nerone (il mio canone nero coraggioso) la gente lo guarda con sospetto e mi dice se è buono o meno. Riprendono solo a respirare quando gli dico che ha paura e che non è un pericolo. 

Pensare che il colore del pelo possa influenzare il carattere di un cane equivale a pensare che la Regina Elisabetta dorma sotto i ponti. E’ assurdo. Non c’è nessun collegamento logi…

I fiori di Bach e le sette categorie

Oggi vorrei parlarvi delle 7 categorie in cui s possono dividere i 38 Rimedi del Dr. Bach: Fiori per la paura Fiori per coloro che soffrono l'incertezza Fiori per l'insufficiente interesse per il presente Fiori per la solitudine Fiori per l'ipersensibilitaà alle influenze e alle idee Fiori per lo scoraggiamento o la disperazione Fiori per la preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri All'interno di ogni categoria ci sono i fiori che possono essere assimilati a questa categoria che vanno a riequilibrare le varie emozioni.
Per una panoramica sui 38 rimedi, visita la pagina dedicata sul sito BachCentre.it.

Il Rescue Remedy è il rimedio di Bach più conosciuto.

Così come suggerisce il nome,viene utilizzato nei casi di emergenza, ovvero quando accade qualcosa di particolarmente devastante per noi, i nostri cari o i nostri animali, come ad esempio:incidente;lutto improvvisostress perpetuato nel tempoaggressionepaura La somministrazione consiste in 4 gocce ogni 15 minuti finchè non cominciamo a calmarci, da prendere direttamente in bocca o in una bevanda. Il Rescue Remedy è molto utile per i nostri animali nel periodo di Capodanno, quando i fuochi d’artificio li terrorizzano, aiutando a non cedere al panico. In questo caso è ottimo partire in anticipo preparando una boccetta contagocce da 30 ml con acqua e 4 gocce di Rescue Remedy e somministrare 4 gocce 4 volte al giorno già una ventina di giorni prima e concludere la somministrazione intorno alla prima settimana di gennaio. Durante il periodo di festeggiamento intenso, aumentare la frequenza delle somministrazioni. La Nelsons Homeopathic Pharmacy ha creato un Rescue Remedy specifico per gli anim…