Passa ai contenuti principali

L'adozione consapevole degli animali ( e non parlo di cani stranamente!)


A poco più di tre mesi dall'adozione del mio secondo cane Dee Dee, che è un esempio di successo di adozione consapevole, fatta grazie al supporto di Marina Garfagnoli, educatrice cinofila e mia grande amica, vorrei scrivere un articolo su cosa voglia dire adottare consapevolmente un animale (non necessariamente cane e gatti).

Quando pensiamo agli animali con cui conviviamo nel nostro Paese siamo soliti riferirci a cani e gatti, circa quattordici milioni di animali, una cifra che sembra già enorme.

Eppure, se consideriamo il totale di sessanta milioni di animali presenti nelle nostre case, ci accorgiamo che cani e gatti sono una netta minoranza rispetto all’esercito più o meno silenzioso di conigli, cavie, cincillà, criceti, degu, cani della prateria e citelli, petauri dello zucchero, furetti, uccelli di ogni specie, rettili, anfibi, insetti e pesci.

Animali da sempre considerati in qualche modo di serie B, perché meno conosciuti, di piccole dimensioni, venduti alle fiere e nei mercati in condizioni tali da indurre a pensare che quasi non si tratti di animali, ma di piccoli oggetti da arredamento: tartarughine d’acqua in vaschette di plastica con la palma da tenere sulla mensola della cucina, pappagalli dai mille colori e pesci di ogni forma per il salotto, serpenti e sauri affascinanti ed esotici per sorprendere gli ospiti.

Per non parlare di conigli e piccoli mammiferi, che passano l’intera esistenza in gabbie più o meno spaziose, così possiamo accontentare i bambini senza l’impegno di un cane…

Fortunatamente negli ultimi anni qualcosa sta cambiando: sempre più medici veterinari stanno prendendo coscienza della necessità di acquisire competenza ed esperienza per approcciare la cura di questi animali dalle caratteristiche e necessità molto differenti dal cane e dal gatto e si stanno impegnando per diffondere una cultura degna di questo nome.

Così come tante associazioni attive sul web che mettono a disposizione schede di gestione corrette e creano gruppi a favore di un’adozione consapevole, in cui diviene semplice acquisire informazioni utili prima di decidere di accogliere un animale in casa.

Adottare è una scelta di consapevolezza

Ogni animale, a qualunque specie appartenga, è un individuo

Con il proprio mondo emozionale e le proprie esigenze etologiche, le peculiari caratteristiche anatomo-fisiologiche, le proprie necessità ambientali e nutrizionali.
Far entrare un animale nella nostra vita è una scelta, non un obbligo, una scelta che sottende la responsabilità che ci assumiamo nei confronti di un altro essere, senza se e senza ma.

Informarci preventivamente sulle caratteristiche di specie, condividere le informazioni con le persone con cui viviamo, chiederci in modo onesto se davvero saremo in grado non solo ora ma anche per gli anni a venire, di mettere a disposizione degli animali il nostro tempo, i nostri spazi modificandoli in base alle loro esigenze, le nostre risorse per garantire un alto livello di cure con assistenza medica specialistica e un’alimentazione ricca e completa, allora la nostra sarà davvero un’adozione consapevole e un’esperienza di vita condivisa gratificante.

Ogni animale ha le sue esigenze

Un coniglio è un animale sociale, non può passare la vita da solo in una gabbia, perché questo equivale a un vero e proprio maltrattamento etologico.

Un pappagallo, soprattutto se allevato a mano dall’allevatore e non dai suoi genitori, è un impegno molto serio, per moltissimi anni avrete con voi un individuo che pretenderà la vostra presenza continua e una relazione esclusiva, soffrirà terribilmente se a un certo punto della vostra vita prenderete altri impegni e lo lascerete solo.

Rettili (e sottolineo che anche le tartarughe lo sono!), anfibi, insetti vivono in mondi e ambienti completamente diversi dal nostro, generalmente in zone tropicali e subtropicali del mondo, con temperature, umidità, escursione giorno-notte e alimentazione molto particolari.

Se non siete grandi appassionati e non pensate di dedicare tanto tempo della vostra vita alla creazione, gestione e manutenzione di terrari e terracquari adeguati per dimensioni e caratteristiche alle specie che ospitano, se non siamo disposti a impegnarci per mettere a disposizione un’alimentazione adeguata non sempre semplice da reperire, non adottiamo questi animali, non condanniamoli ad ammalarsi e morire per cattiva gestione in scatole di plastica, legno o vetro.

Senza parlare dei pesci, che arrivano a milioni trasportati nel nostro Paese da tutto il mondo, con tassi di mortalità elevatissimi. Un pesce rosso in una boccia rotonda diventa l’emblema di tutto ciò che dobbiamo imparare a evitare: un animale che arriva in casa senza aver meditato accuratamente sulla scelta, mantenuto per anni in un ambiente assolutamente non idoneo, privo di qualunque arricchimento ambientale, senza sistema di filtraggio e controllo accurato della qualità dell’acqua.

E
cco, cominciamo a guardare con altri occhi questi meravigliosi animali, pensiamo a come vivrebbero in natura, riflettiamo sul meglio che possiamo offrire loro e se non è abbastanza non li adottiamo; amare gli animali, qualunque animale, è anche questo!



Commenti

Post popolari in questo blog

I fiori di Bach e le sette categorie

Oggi vorrei parlarvi delle 7 categorie in cui s possono dividere i 38 Rimedi del Dr. Bach: Fiori per la paura Fiori per coloro che soffrono l'incertezza Fiori per l'insufficiente interesse per il presente Fiori per la solitudine Fiori per l'ipersensibilitaà alle influenze e alle idee Fiori per lo scoraggiamento o la disperazione Fiori per la preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri All'interno di ogni categoria ci sono i fiori che possono essere assimilati a questa categoria che vanno a riequilibrare le varie emozioni.
Per una panoramica sui 38 rimedi, visita la pagina dedicata sul sito BachCentre.it.

Fiori Australiani per gli animali

Gioia, eccitazione, dolore, tristezza e rabbia trovano riscontro nel mondo animale. 

Gli animali, come tutti gli essere viventi, hanno vibrazioni energetiche proprie e l’equilibrio di tale energia è fondamentale per il loro benessere. 

Le Australian Bush Flower Essences aiutano ad armonizzare i disequilibri vibrazionali che possono influire negativamente. Aiutano a elaborare gli effetti delle esperienze negative e agiscono sui modelli comportamentali che possono influire negativamente sulla qualità di vita di ogni essere vivente.
Sono particolarmente utili per ristabilire l’equilibrio naturale e favoriscono l’armonia ristabilendo la connessione con le energie positive della Natura.


Consigli d’uso:
Aggiungere 4 gocce per gli animali di piccola taglia (pesci, uccelli, criceti, conigli) e 7 gocce per gli animali di media (cani e gatti) e grande taglia (cavalli, mucche) mattino e sera.
Oggi vi perlo dei composti già pronti dell' Australian Bush Flower- Universe Pet.
AGGRESSIVE - Tendenze agg…

La sindrome del cane nero è una patologia che non colpisce i cani, ma bensì gli umani.

Questa malattia ha come effetto quello di guardare i cani neri in modo diverso. Se ritrovate il vostro pensiero in almeno una delle frasi seguenti, siete affetti da questa grave malattia.

I cani neri sono più pericolosiI cani neri fanno pauraI cani neri hanno più probabilità di mordereI cani neri hanno la tendenza ad essere più aggressivi

Vi rendete conto dell’assurdità di queste affermazioni?  Eppure molta, troppa gente condivide almeno una delle frasi precedenti.
RAZZISMO VERSO IL CANE NERO Fenomeno diverso da quello del cane razzista, è il razzismo degli umani nei confronti dei cani neri. Che ci crediate o no, quando porto fuori Nerone (il mio canone nero coraggioso) la gente lo guarda con sospetto e mi dice se è buono o meno. Riprendono solo a respirare quando gli dico che ha paura e che non è un pericolo. 

Pensare che il colore del pelo possa influenzare il carattere di un cane equivale a pensare che la Regina Elisabetta dorma sotto i ponti. E’ assurdo. Non c’è nessun collegamento logi…