Passa ai contenuti principali

Quando il sole guarisce

Greci e Romani sapevano che il sole era un elemento vivificatore della Natura ma anche un mezzo prezioso per prevenire e curare molte malattie

Per questo motivo,fra le loro pratiche terapeutiche erano incluse le esposizioni al sole a corpo nudo delle persone malate. Questa pratica era chiamata elioterapia, dal greco helios, appunto, sole, ed era usata principalmente per curare malattie quali la tubercolosi, malattie reumatiche e cutanee. Durante il Rinascimento, l’elioterapia acquisì valenza scientifica: note diventarono infatti le proprietà battericide e salutari del sole.


I benefici del sole sulla salute:

La luce del sole agisce in diversi modi sull’organismo e può sia guarire che danneggiare la pelle, perché è composta da:
luce visibile (37%);
raggi infrarossi (60%) che rimangono sullo strato più superficiale della pelle, scaldano il corpo fino a provocare scottature ed eritemi;
raggi ultravioletti (3%), che si dividono a loro volta in: ultravioletto A o UVA e ultravioletto B o UVB. Sono questi che agiscono sul metabolismo poiché promuovono il rilascio di melanina e attivano il metabolismo del- la vitamina D.
Sono questi raggi che agiscono sull’organismo appor- tando bene ci visibili per la salute.
Fra questi ricordiamo:
● la produzione di melanina;
● il miglioramento del metabolismo del calcio
e della vitamina D;
● ilmantenimentodellatemperaturacorporea;
● la regolazione del ritmo sonno-veglia;
l’influenza sulla composizione del sangue: il sole aumenta il numero di corpuscoli rossi, l’emoglobina e i globuli bianchi, abbassando invece la pressione sanguigna;
l’eliminazione di microbi, batteri e funghi che colpiscono la pelle;
● un miglioramento generale del tono dell’umore con conseguente toni cazione del sistema nervoso.

Il periodo migliore per beneficiare de gli effetti dell’elioterapia è da Aprile a Settembre, evitando, nei mesi più caldi l’esposizione selvaggia nelle ore centrali della giornata.

Dove e come praticare i bagni di sole

Fino a qualche anno fa si consigliava di fare i bagni di sole in alta montagna, dove lo spettro solare è più ricco di raggi ultravioletti. Alcuni medici ritengono invece che l’elioterapia vada praticata in riva al mare. St di più recenti hanno permesso di evidenziare che gli stessi bene ci sono ottenuti anche facendo elioterapia in pianura e addirittura in città.
Ciò su cui medici e studiosi sono concordi è il fatto che per essere il più efficace possibile, la superficie corporea irradiata dal sole sia la più ampia possibile. L’esposizione dev'essere progressiva, senza mai raggiungere reazioni forti come le scottature.
I primi giorni il bagno di sole deve durare fino a che la pelle si arrossa leggermente (si tratta di un tempo variabile e soggettivo). Piano piano, questo tempo diventerà sempre più lungo. L’esposizione va sempre fatta avendo cura di proteggersi la testa con un cappello e gli occhi con occhiali da sole. Il periodo migliore per beneficiare degli effetti dell’elioterapia è da Aprile a Settembre, evitando, nei mesi più caldi l’esposizione selvaggia nelle ore centrali della giornata. Consigliata è, invece, l’esposizione alla mattina presto fino alle 10, o il pomeriggio dalle 14 alle 17. Meglio non esporsi se la temperatura è minore di 20 °C e maggiore di 25 °C.
Sebbene l’elioterapia abbia benefici indubbi, va anche ricordato che l’esposizione continuativa fatta per anni può causare invecchiamento della pelle, atrofia dell’epidermide  no alla comparsa dei più preoccupanti melanomi.

Un aiuto per mantenere la salute

Secondo gli studi più recenti l’elioterapia è utile per combattere la comparsa delle malattie degenerative, fra cui vari tipi di tumore, che colpiscono più spes- so gli organi riproduttivi.
L’elioterapia si è poi dimostrata d’aiuto contro patologie quali: rachitismo, osteoporosi, artrosi e malattie delle ossa, diabete, pressione alta, malattie cardiovascolari e malattie respiratorie come l’asma.

La luce del sole aiuta anche a ridurre l’ansia e la depressione, andando ad aumentare i livelli di serotonina. L’elioterapia è invece da evitare se si soffre di: ipotiroidismo, ipertensione, malattie al cuore, malattie infiammatorie in stato acuto come artriti o pleuriti, tubercolosi polmonare.

La vitamina D

Una delle vitamine più importante  per il nostro organismo è sicuramente la D. In realtà, più che di vitamina si dovrebbe parlare di ormone, poiché viene prodotta dal nostro organismo e non sintetizzata, come invece succede per le vitamine. Negli ultimi 10 anni, complice una vita passata spesso rinchiusi fra quattro mura, con l’esposizione al sole solo durante le canoniche due settimane di ferie al mare, i livelli di vitamina D si sono notevolmente abbassati, fino a provocare delle carenze importanti  in buona parte della popolazione.
È invece importante mantenere alti i livelli di vitamina D poiché essa concorre alla crescita delle ossa, dei denti, e al mantenimento del calcio. La vitamina D, inoltre, rafforza il sistema immunitario. Sebbene la vitamina D possa essere assunta anche per via alimentare, è sicuramente quella immagazzinata grazie all’esposizione solare che permette di avere le giuste proporzioni di calcio e fosforo, necessari alle ossa per il ricambio cellulare.
Per immagazzinare vitamina D non sono necessarie lunghe esposizioni: il quantitativo di vitamina non aumenta infatti aumentando il numero di ore di esposizione.




Commenti

Post popolari in questo blog

I fiori di Bach e le sette categorie

Oggi vorrei parlarvi delle 7 categorie in cui s possono dividere i 38 Rimedi del Dr. Bach: Fiori per la paura Fiori per coloro che soffrono l'incertezza Fiori per l'insufficiente interesse per il presente Fiori per la solitudine Fiori per l'ipersensibilitaà alle influenze e alle idee Fiori per lo scoraggiamento o la disperazione Fiori per la preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri All'interno di ogni categoria ci sono i fiori che possono essere assimilati a questa categoria che vanno a riequilibrare le varie emozioni.
Per una panoramica sui 38 rimedi, visita la pagina dedicata sul sito BachCentre.it.

Fiori Australiani per gli animali

Gioia, eccitazione, dolore, tristezza e rabbia trovano riscontro nel mondo animale. 

Gli animali, come tutti gli essere viventi, hanno vibrazioni energetiche proprie e l’equilibrio di tale energia è fondamentale per il loro benessere. 

Le Australian Bush Flower Essences aiutano ad armonizzare i disequilibri vibrazionali che possono influire negativamente. Aiutano a elaborare gli effetti delle esperienze negative e agiscono sui modelli comportamentali che possono influire negativamente sulla qualità di vita di ogni essere vivente.
Sono particolarmente utili per ristabilire l’equilibrio naturale e favoriscono l’armonia ristabilendo la connessione con le energie positive della Natura.


Consigli d’uso:
Aggiungere 4 gocce per gli animali di piccola taglia (pesci, uccelli, criceti, conigli) e 7 gocce per gli animali di media (cani e gatti) e grande taglia (cavalli, mucche) mattino e sera.
Oggi vi perlo dei composti già pronti dell' Australian Bush Flower- Universe Pet.
AGGRESSIVE - Tendenze agg…

Candida e cistite:l’importanza dei batteri buoni

La salute intima dipende dalla presenza di batteri buoni e dall’integrità dei tessuti urinari e genitali. 
La flora batterica vaginale è composta per il 90% da batteri buoni (lattobacilli) e per il 10% da microrganismi potenzialmente patogeni (batteri, virus e candida). Quando questo rapporto varia, subentra l’infezione vaginale, che può estendersi alle vie urinarie provocando cistite.

I patogeni provocano infezione solo se incontrano un tessuto privo del primo strato di cellule superficiali più resistenti. La mucosa sottostante infatti è più debole e vulnerabile agli attacchi microbici.
La medicina ufficiale cura cistite e candida con antibiotici e antimicotici, ma spesso questo approccio aggressivo è inefficace. 
Meglio ripristinare i lattobacilli vaginali, rinforzare le mucose ed evitare i fattori che alterano queste difese.

Alcuni consigli per sconfiggere la candida:

Antibiotici: uccidono i batteri patogeni, ma anche i lattobacilli intestinali e vaginali, debilitando il sistema immuni…